Coronavirus: un’opportunità di investimento, oppure no?

L’incertezza dei mercati dovuta al coronavirus si diffonde, ma gli investitori dovrebbero rimanere calmi
Se non investi in vaccini antinfluenzali, non dovresti considerare il focolaio di coronavirus in corso come un’opportunità di investimento degna di nota, anche per quello che riguarda gli investimenti in azioni già fatti, potrebbe essere consigliabile di vendere ed aspettare tempi migliori, – visto anche il fatto che il mercato azionario è arrivato ai massimi storici e che in tanti vogliono passare ad incassare – almeno finchè non si riesce a trovare un vaccino efficace.

 

Cosa si diffonde più velocemente: un nuovo ceppo di coronavirus o un’incertezza non necessaria creata dall’influenza delle storie dei media?

Un ceppo insolitamente virulento di un coronavirus si sta diffondendo dal contatto da uomo a uomo in Cina. Il governo cinese ha preso la mossa senza precedenti per limitare gli spostamenti di oltre 35 milioni di residenti nel tentativo di contenere lo scoppio durante il capodanno lunare, che è la vacanza di viaggio più trafficata in Cina.

Sembra tutto piuttosto spaventoso. Sembra ancora più spaventoso con aggiornamenti minuto per minuto dai principali punti vendita che si contendono la loro quota di traffico di ricerca. Mentre ciò ha spinto aziende come Moderna ( NASDAQ: MRNA ) e Inovio Pharmaceuticals ( NASDAQ: INO ) ad annunciare piani per lo sviluppo di vaccini per il ceppo, gli investitori farebbero bene a valutare in modo equilibrato la situazione. Ad essere sinceri, è improbabile che l’epidemia di coronavirus porti a un’attività commerciale sostenibile per le aziende farmaceutiche.

L’epidemia di coronavirus 2020 è simile alle precedenti?

A partire da martedì 28 gennaio, il governo cinese ha confermato oltre 5.000 malati e 107 decessi causati dal ceppo di coronavirus in questione, 2019-nCoV, secondo il New York Times . I numeri effettivi ed eventuali saranno probabilmente molto più alti, ma l’attuale tasso di mortalità è di circa il 2,6%.

Questo è molto al di sotto dei tassi di mortalità di altri focolai causati da altri ceppi di coronavirus. I focolai di sindrome respiratoria acuta grave (SARS) nel 2003 e sindrome respiratoria mediorientale (MERS) nel 2012 hanno registrato tassi di mortalità rispettivamente del 10% e del 35% circa. Inoltre, nel mezzo dell’epidemia di SARS, l’Organizzazione mondiale della sanità ha calcolato un tasso di mortalità del 15%, sopravvalutando il tasso reale di oltre il 50%.

Proprio come la SARS e la MERS, l’attuale epidemia di 2019-nCoV ha colto di sorpresa i sistemi sanitari regionali e globali. Ma non è qualcosa di cui preoccuparsi o in cui investire.

Per un esempio più comprensibile, si consideri l’impatto dell’influenza stagionale (quella che chiamiamo “influenza”) negli Stati Uniti. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie stimano che una media di 28,6 milioni di persone si ammalano di influenza ogni anno dal 2010. Una media di 37.400 persone sono morte ogni anno in quell’arco di tempo, tra cui circa 61.000 morti l’anno scorso. I media hanno fornito aggiornamenti minuto per minuto per questo? Se lo facessero, allora sapresti che una persona muore ogni quattro minuti. Hai considerato di investire in vaccini antinfluenzali?

Mentre l’influenza stagionale ha un tasso di mortalità solo dello 0,1% nell’intera popolazione degli Stati Uniti, il CDC stima che tra il 70% e l’85% di tutti i decessi correlati all’influenza si verificano in soggetti di età pari o superiore a 65 anni, principalmente a causa di complicanze respiratorie. L’influenza ha un tasso di mortalità superiore all’1% in quella popolazione.

Questo non è diverso dall’attuale epidemia di coronavirus, che, come l’influenza, causa complicazioni respiratorie. Quasi tutte le morti conosciute del 2019-nCoV sono avvenute negli uomini più anziani. Mentre l’attuale tasso complessivo di mortalità è quasi tre volte superiore a quello dell’influenza stagionale negli anziani negli Stati Uniti, la qualità dell’assistenza sanitaria e le norme culturali (e la mancanza di un vaccino ampiamente somministrato) probabilmente contribuiscono alla differenza.

Ad esempio, si stima che il 52% degli uomini cinesi fumi sigarette, il che è ancora più comune negli uomini più anziani. Meno del 12% degli uomini americani di età superiore ai 65 anni ha la stessa abitudine. Considerando che fumare sigarette quasi raddoppia il rischio di ammalarsi di influenza e altre malattie respiratorie, ciò potrebbe contribuire all’attuale tasso di virulenza e mortalità dell’epidemia di coronavirus.

CoronaVirus in Cina: cosa sappiamo di certo finora
Il coronavirus potrebbe aumentare il valore di queste azioni

Fermo restando che in questo periodo i beni rifugio sono sempre una certezza, ci sarebbero anche altre opportunità di investimento. Alla fine di gennaio, Moderna ha rilasciato una dichiarazione alla CNBC annunciando che stava lavorando con il National Institutes of Health per sviluppare un vaccino per 2019-nCoV . La società ha dichiarato che la sua piattaforma di messaggistica RNA potrebbe essere adatta in modo univoco ad applicazioni di risposta rapida come questa, sebbene non abbia mai testato tali capacità o processi.

Mentre le azioni sono apparse sulla divulgazione delle informazioni, Moderna ha faticato da quando ha condotto la sua offerta pubblica iniziale alla fine del 2018. L’azienda di biopharma è valutata oggi per $ 7 miliardi ma ha visto la sua capitalizzazione di mercato scendere a $ 4 miliardi. L’attività ha registrato una perdita operativa di $ 416 milioni nei primi nove mesi del 2019. Pertanto, è improbabile che un vaccino contro il coronavirus a basso margine fornisca un notevole sollievo ai profitti, sebbene possa fornire maggiore fiducia nella piattaforma tecnologica.

Pochi giorni dopo, Inovio Pharmaceuticals ha rivelato che anche lui stava lavorando a un vaccino sperimentale contro il coronavirus. L’azienda ha ricevuto una sovvenzione di 9 milioni di dollari dalla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations per accelerare il suo lavoro e in passato ha lavorato su altri vaccini contro il coronavirus.

Mentre le azioni di Inovio Pharmaceuticals hanno guadagnato il 112% da quando la società ha iniziato a sviluppare un vaccino MERS nel 2013, il vaccino è ancora in sviluppo più di sei anni dopo e non ha avuto un impatto materiale sul business. La società ha registrato una perdita operativa di $ 80 milioni nei primi nove mesi del 2019. Poiché gli investitori sono dolorosamente consapevoli, il titolo è diminuito del 50% negli ultimi cinque anni.

Gli investitori devono essere realistici sull’ultimo focolaio di coronavirus

Se le epidemie passate di SARS e MERS (o ebola o influenza stagionale) sono un’indicazione, gli investitori non dovrebbero considerare l’infezione da coronavirus in corso come un’opportunità di investimento. Le piattaforme di pubblicazione digitale stanno coprendo l’epidemia con un’urgenza che supera di gran lunga il suo significato.

Per quanto riguarda i vaccini sperimentali, le spese per lo sviluppo potrebbero essere parzialmente compensate con le sovvenzioni del NIH, del CEPI e di altre istituzioni sanitarie, ma lo sviluppo del vaccino richiede spesso anni per essere completato e raramente ha un notevole impatto finanziario per l’innovatore.

Data tutta la sfumatura e i dettagli della situazione, gli investitori dovrebbero essere cauti quando leggono dell’epidemia di coronavirus e gli sforzi dell’industria farmaceutica per contenerla.

Guida Investimenti finanziari per principianti

3 azioni da comprare nel portafoglio titoli di Warren Buffet  

Azioni Tecnologiche

Come diventare ricchi

Azioni di aziende small cap che potrebbero renderti ricco

Azioni Adobe 

Azioni Apple previsione prezzo

Auto d’epoca 

Azioni di Marijuana 

Trading  

Facebook libra 

Come diventare ricco 

Migliori azioni di agosto 

Spread 

Azioni Bitcoin 

ETF Stealth 

Guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina 

Il prezzo del Bitcoin è manipolato 

Termini finanziari più usati

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *