Investire in azioni tecnologiche: tutto quello che devi sapere

Tutto ciò che devi sapere sugli investimenti in tecnologia
È uno spazio che comprende tutto, dagli smartphone alla blockchain, dalla tecnologia di tutti i giorni ai prodotti che non esistono ancora.
Il settore tecnologico comprende tutto, dalle grandi aziende che tutti conoscono, ai giocatori grandi e piccoli che operano in gran parte dietro le quinte. La categoria ospita anche aziende emergenti di tutte le dimensioni, start-up e marchi domestici da miliardi di dollari.
In senso lato, la categoria comprende scorte coinvolte nella ricerca, creazione e distribuzione di beni o servizi basati sulla tecnologia. Può trattarsi di tutto, dai computer ai software, dai televisori ai siti Web. L’hardware è il dispositivo fisico: un computer, un televisore, uno smartphone, ecc. Il software è il codice del computer e le piattaforme che fanno funzionare tali dispositivi.

I titoli tecnologici offrono agli investitori molte opportunità. In effetti, il settore ha offerto i rendimenti più alti di tutti i settori di mercato classificati al 34,28% nel 2017.

Questi forti rendimenti, tuttavia, non significano che il settore tecnologico sia privo di rischi. La tecnologia cambia rapidamente e i leader di una volta possono rapidamente restare indietro o addirittura fallire. Inoltre, le promettenti aziende emergenti possono fare un grande salto, per poi svanire rapidamente.

La tecnologia è uno spazio eccitante che include tendenze dall’intelligenza artificiale (AI), agli smartphone, alla blockchain , alle tecnologie a guida autonoma , dalla tendenza al software come servizio (SaaS), all’Internet of Things (IoT), allo streaming servizi multimediali e altro ancora. È un’area piena di opportunità, ma anche di alcuni rischi come investimenti.

I ritorni possono variare

Se si considerano gli ultimi dieci anni di rendimenti per il settore tecnologico, i numeri variano notevolmente. La categoria ha superato tutti i settori monitorati nel 2009 e 2017, ma ha sottoperformato la media di tutti i settori in quattro dei dieci anni.

AnnoTecnologiaTutto il settore
2008-41,38%-35,16%
200950.94%27.79%
201011.39%16.11%
20112,67%3,30%
201215.46%14,78%
201325.97%30.81%
201417,75%13.41%
20155,63%-1,37%
201614,82%14.31%
201734.28%18.27%

FONTE DEI DATI: SECTORSPDR.COM.

Come puoi vedere sopra, il settore tecnologico può essere boom o fallimento. Lo stesso vale per le singole società e segmenti di mercato all’interno dello spazio. A volte una tecnologia sembra che potrebbe essere la prossima grande cosa – pensa la televisione 3D solo pochi anni fa – solo per fallire in modo spettacolare sul mercato.

Investire in azioni tecnologiche: tutto quello che devi sapere

Aree di investimento

La tecnologia è un termine di ampia portata: si è espanso ben oltre ciò che un tempo sarebbe stato considerato le scorte tecnologiche tipiche, comprese le società di computer come  Apple NASDAQ: AAPL ) , Microsoft NASDAQ: MSFT ) , IBM ( NYSE: IBM ) e altri. Non è nemmeno giusto chiamare più una di queste tre società produttrici di computer. Operano in una varietà di altri segmenti che fanno tutti parte del mercato tecnologico, inclusi ma non limitati a:

  • Intelligenza artificiale (AI) : è qui che i computer svolgono compiti che potrebbero aver richiesto tradizionalmente un cervello umano. L’intelligenza artificiale comprende anche   l’apprendimento profondo (in cui i dati scientifici costruiscono modelli di computer ispirati alla struttura e alla funzione del cervello umano che essenzialmente riproducono la nostra capacità di apprendimento) e l’apprendimento automatico (un tipo di intelligenza artificiale in cui i computer apprendono senza essere specificamente programmati per). Alexa di Amazon potrebbe essere l’IA più famosa, anche se IBM Watson ha anche ottenuto molta attenzione da parte dei media.
  • Smartphone : mentre Apple e Samsung guidano questo spazio, ci sono molti giocatori secondari che realizzano componenti, software, app e telefoni. “Smartphone” è una sorta di nome generico per telefoni che possono eseguire app, programmi e quasi qualsiasi altra cosa che un computer potrebbe essere in grado di fare.
  • Blockchain : mentre la blockchain ha ottenuto molta pubblicità perché è la tecnologia alla base di Bitcoin e altre valute virtuali, è più di un semplice metodo di pagamento alternativo. Blockchain è “il libro mastro digitale, distribuito e decentralizzato legato alla maggior parte delle criptovalute che sono responsabili della registrazione di tutte le transazioni senza la necessità di un intermediario finanziario. In altre parole, è un registro trasparente e immutabile (cioè immutabile) di tutte le transazioni che don coinvolgere le banche che agiscono come terzi “, secondo Sean Williams di The Motley Fool .
  • Tecnologie self-guida : aziende tra cui i leader tecnologici come  Alphabet  ( NASDAQ: GOOGL ) sussidiaria Waymo,  Tesla , e la maggior parte delle case automobilistiche più importanti stanno lavorando sulla creazione di automobili auto-guida . Nella maggior parte dei luoghi, questo non è ancora legale, ma alcune tecnologie di assistenza alla guida sono già arrivate sul mercato ed è probabile che le cabine con guida autonoma e persino i camion saranno in uso perlomeno limitato abbastanza presto.
  • Computer e software : sono le aziende che producono computer portatili, desktop e tablet e il software che li esegue. Questo segmento include anche riproduttori di componenti come  Intel  ( NASDAQ: INTC ) e  Advanced Micro Devices , che producono chip e processori che alimentano i computer, ma anche grandi marchi noti come Apple.
  • Internet : pensa a società come Google di Alphabet, Bing di Microsoft e MSN, Twitter e  Yahoo di Verizon , insieme a società come Yelp che offrono prodotti puramente digitali. La maggior parte di questi giocatori sono almeno parzialmente supportati dalle entrate pubblicitarie, anche se alcuni vendono abbonamenti e monetizzano in altri modi.
  • L’Internet of Things (IoT): l’IoT è la rete di dispositivi collegati tra loro e al cloud – Internet pubblico che consente collegamenti tra sistemi remoti. È tutto, da un termostato intelligente che può regolare la temperatura in casa a complesse apparecchiature mediche in grado di ordinare le proprie riparazioni.
  • Streaming multimediale : si potrebbe sostenere che  Netflix  è una società di intrattenimento, ma è anche una società tecnologica che ha creato la propria infrastruttura. Netlfix crea contenuti per la sua piattaforma di streaming, ma crea e mantiene anche la piattaforma stessa. Una società come Roku (NASDAQ: ROKU) , che produce lettori multimediali in streaming, è più uno stock di settore tecnologico tradizionale, ma potrebbe anche essere considerato un membro della prossima categoria in quanto produce dispositivi. Lo streaming multimediale è cresciuto mentre i consumatori cercano di tagliare il cavo con il cavo , una tendenza che sta accelerando.
  • Aziende produttrici di dispositivi: i giocatori tra cui Roku, GoPro e Fitbit creano dispositivi guidati dalla tecnologia. In molti casi, creano anche il software che li fa funzionare e offre loro funzionalità aggiuntive.
  • Il cloud : il cloud è un sistema di archiviazione informatica che consente ai dispositivi di accedere a informazioni e servizi da qualsiasi luogo. Il cloud consente alle aziende (e ai singoli) di utilizzare servizi non residenti nei propri dispositivi. Amazon, Google, IBM e Microsoft sono tutti i principali player cloud.
  • Sicurezza informatica : con i dati ora archiviati nel cloud, sui nostri dispositivi e persino nei chip delle nostre carte di credito, la protezione delle informazioni è diventata un settore in crescita. La sicurezza informatica significa garantire che le informazioni siano accessibili solo alle persone che dovrebbero vederle.
  • Produttori di chip / componenti : alcune aziende tecnologiche non producono affatto dispositivi finiti, ma producono le parti che vanno al loro interno. Intel ne è un buon esempio, poiché l’azienda fa funzionare i chip e i processori che fanno funzionare i computer. Questo segmento include anche aziende che producono memoria, schermi e altre parti che vanno ai dispositivi tecnologici.

La tecnologia è ovunque

Puoi investire in tecnologia senza acquistare azioni puramente tecnologiche. Ad esempio, Amazon ( NASDAQ: AMZN )  è un’enorme presenza al dettaglio negli Stati Uniti, ma ha anche un’attività di cloud computing multimiliardaria e opera principalmente nello spazio digitale.

Starbucks , che la maggior parte considererebbe un settore di vendita al dettaglio o di ristorazione, è stato un pioniere della tecnologia nello spazio del pagamento mobile. La catena del caffè ha stabilito l’ordine mobile e paga nella sua app. Ciò consente ai clienti di ordinare prima di entrare in un negozio e pagare gli articoli tramite l’app (tramite una carta di credito connessa o un saldo della carta regalo). Starbucks consente inoltre ai clienti di pagare tramite la sua app nella sua linea regolare – un punto fermo di molte catene di ristoranti ora, ma nuovo quando l’azienda di caffè l’ha introdotta. È la tecnologia che rende più facile per i clienti Starbucks (e ora altre catene di ristoranti) pagare e ricevere premi fedeltà. Ciò lega il consumatore al marchio e offre alla società un ulteriore canale di marketing.

Queste non sono aziende tecnologiche come, ad esempio, Microsoft e Apple, sono marchi noti per aver fatto altre cose (come vendere caffè) che sviluppano anche la tecnologia, ma sono i principali attori nello spazio. La tecnologia è precipitata in quasi tutte le aree della vita e un certo numero di aziende che a prima vista non sono specificamente aziende tecnologiche – pensano i produttori di automobili che sviluppano auto a guida autonoma – sono almeno parzialmente scorte tecnologiche.

Uno sguardo agli ETF tecnologici

Un fondo negoziato in borsa, o ETF , è un fondo che investe in più azioni ma viene venduto come un singolo titolo che tiene traccia di un determinato indice e viene negoziato in una grande borsa. È un modo per possedere un settore di mercato senza dover fare affidamento su azioni specifiche. Ad esempio, è possibile acquistare un ETF di titoli IoT o titoli tecnologici a piccola capitalizzazione .

Proprio come un fondo comune , un ETF ha un coefficiente di spesa , il che significa che una percentuale delle attività del fondo è utilizzata per coprire i costi di gestione e altri costi. <Il coefficiente di spesa comprende commissioni di gestione, spese pubblicitarie e spese amministrative. È espresso come percentuale delle attività del fondo utilizzate per coprire le spese operative ogni anno. In senso lato, è meglio abbassare, ma si dovrebbe considerare i rendimenti complessivi e non solo il rapporto spese quando si considera un ETF.

Dan Caplinger di Motley Fool ha rotto tre ETF tecnologici che ha ritenuto “da non perdere” a gennaio. Ha incluso  Guggenheim S&P Equal Weight Technology ,  iShares Exponential Technologies  e il  primo Trust ISE Cloud Computing .

Quali sono le metriche più importanti?

Esistono davvero due principali tipi di società tecnologiche: sviluppo di marchi e società mature. Anche le società mature come Apple o Microsoft devono ancora innovare per sopravvivere a lungo termine, ma hanno una base di prodotti che si sono radicati nel mercato. Ciò fornisce stabilità dei ricavi a lungo termine, consentendo a queste aziende mature di sviluppare i loro prossimi prodotti senza doversi preoccupare di accendere le luci.

Microsoft, ad esempio, ha spostato Office da un prodotto acquistato o da una suite di prodotti a un modello di abbonamento. Ciò significa, in un esempio molto semplice, che un individuo era solito acquistare Word o Excel e possederlo. Potrebbero sostituirlo tra qualche anno o utilizzare il software il più a lungo possibile. Ora Microsoft addebita una quota di abbonamento annuale per Office. Ciò in realtà lo rende più economico per i consumatori a breve termine, ma devono pagare di nuovo ogni anno.

Una società tecnologica matura è in parte valutata con metodi tradizionali, tra cui profitto, crescita dei ricavi e vendite complessive. Naturalmente, poiché la tecnologia è uno spazio in continua evoluzione, anche una società come Apple o Microsoft può vedere il suo aumento o il calo dei prezzi delle azioni sulla base di un prodotto non provato o addirittura un annuncio di un nuovo sviluppo.

Lo sviluppo di marchi come Tesla deve affrontare una sfida diversa . Si tratta di società apprezzate in gran parte dal potenziale di vendita, non dal profitto . Tesla, ad esempio, ha un enorme arretrato di ordini di Modello 3 da riempire, ma non ha ancora dimostrato di poter operare in modo redditizio. Palo Alto Networks , una società di sicurezza informatica, si trova in una posizione simile, che vanta una base di clienti significativa ma non mostra ancora profitti costanti. Nella maggior parte dei casi, questi marchi perdono denaro, a volte molto, poiché sviluppano capacità e sviluppano un mercato per il loro prodotto. Le aziende emergenti hanno generalmente un rialzo maggiore (almeno all’inizio), ma presentano un rischio significativo.

Chi dovrebbe investire in tecnologia?

I titoli tecnologici offrono opportunità sia agli investitori principianti che a quelli esperti. Aziende come Apple, e anche giocatori più piccoli come Roku, offrono la possibilità alle persone di acquistare azioni di società i cui marchi sono diventati parte integrante della loro vita. È anche uno spazio in cui la persona media può saltare sulla tecnologia emergente che ha sperimentato e che crederà diventerà parte del futuro.

Lo spazio tecnologico offre opportunità sia agli investitori in crescita che agli investitori in reddito, che possono scegliere tra diverse società mature e consolidate. Naturalmente, poiché si tratta di un settore in rapido sviluppo, ci sono alcune opportunità di crescita anche nelle aziende mature.

Cercare di ottenere un quadro chiaro del valore di uno stock tecnologico può essere difficile in quanto a volte i prodotti e i flussi di entrate possono essere più complessi di un’azienda di beni di consumo, ad esempio, come Johnson & Johnson che vende marchi e prodotti che l’individuo medio ha familiarità con . Le aziende possono essere valutati utilizzando una serie di metodi, tra cui  le valutazioni retributivo , le valutazioni basate sulle entrate , valutazioni basate flussi di cassa , le valutazioni azionarie a base , e  le valutazioni basate sui membri .

Agli investitori potrebbe piacere azioni in crescita …

Investire nella crescita sta acquistando azioni in società che prevedi cresceranno molto in futuro. Spesso paghi un premio per loro, ma questi titoli non vengono valutati per ciò che l’azienda ha già raggiunto, ma per ciò che potrebbe raggiungere in futuro. Questi titoli hanno spesso molta attenzione da parte degli analisti, talvolta migliorando le dimensioni reali dell’azienda.

Ovviamente, entrare presto in borsa può portare a rendimenti enormi. Facebook, ad esempio, ha valutato la sua offerta pubblica iniziale (IPO) a $ 38. Le azioni in realtà sono scese a circa la metà di queste a volte, ma al momento della redazione, le azioni erano circa $ 180, oltre quattro volte superiori.

Roku, che è diventato pubblico a settembre, ha aumentato le sue entrate complessive del 28% su base annua a $ 188,3 milioni, trainati da una crescita della piattaforma del 129%. La società sta sbloccando opportunità di crescita ruotando dall’essere un’azienda produttrice di dispositivi a quella che concede in licenza la sua tecnologia ad altri giocatori. Ha anche notevolmente aumentato la propria attività pubblicitaria.

A differenza di molti attori della crescita, Roku è redditizio, realizzando $ 73,5 milioni di profitti lordi nel 2017. Quel numero, tuttavia, tocca a malapena la superficie del potenziale che la società ha, anche se sta combattendo alcune società molto più grandi (Apple,  Amazon  NASDAQ: AMZN ) e Google tra questi).

Quando decidi se investire in una di queste società, guarda alla  valutazione  ma anche al potenziale di mercato. Non esiste un metodo unico per farlo, ma dovresti considerare le proiezioni degli utili a termine della società e il tasso di crescita degli utili per il calcolo del  rapporto prezzo-utili a termine e del rapporto PEG . Per le aziende in crescita, prestare attenzione al flusso di cassa e al debito gratuiti aiuterà gli investitori a ottenere un quadro migliore della salute finanziaria complessiva dell’azienda.

Gli investitori per reddito potrebbero voler …

Il settore tecnologico, ovviamente, offre anche agli investitori l’opportunità di investire in società consolidate che offrono reddito sotto forma di dividendi , una distribuzione di una parte degli utili di una società agli azionisti. In effetti, lo spazio tecnologico ospita alcuni aristocratici dei dividendi  – membri dell’indice S&P 500 che hanno avuto un aumento minimo di un dividendo all’anno per almeno gli ultimi 25 anni consecutivi.

Naturalmente, la natura in rapida evoluzione della tecnologia suggerisce in realtà che gli investitori in reddito dovrebbero guardare alle società che non raggiungono la soglia dei 25 anni. Molti dei principali attori tecnologici di oggi erano o nella fase di crescita o non esistevano 25 anni fa. Apple, ad esempio, è diventata pubblica solo nel 1980.

La tecnologia in quanto settore offre generalmente rendimenti inferiori – poco più dell’1% in media – rispetto al rendimento medio dell’S & P 500 in tutti i settori del 2-2,2%. Ciò è almeno in parte perché in molti casi ha senso che le aziende tecnologiche investano maggiormente nella ricerca e nello sviluppo rispetto ad altri settori. Tuttavia, è possibile trovare rendimenti elevati (un rendimento è un dividendo espresso in percentuale del prezzo attuale delle azioni). Microsoft, ad esempio, offre un rendimento dell’1,83% e ha aumentato il suo dividendo per 14 anni consecutivi.

Le migliori azioni di aziende tecnologiche

Come notato sopra, non è facile stabilire con precisione cosa sia uno stock tecnologico. La maggior parte di queste società sono chiaramente aziende tecnologiche, ma Netflix e Tesla potrebbero essere probabilmente considerate rispettivamente una compagnia di intrattenimento e una casa automobilistica.

AzionetelescriventeCapitalizzazione di mercatoRapporto P / E
MelaAAPL$ 841 miliardi17.1
MicrosoftMSFT$ 733 miliardi77.47
IBMIBM$ 133 miliardi23.61
IntelINTC$ 241 miliardi25.9
AMDAMD$ 9,73 miliardi251
TeslaTSLA$ 48 miliardiN / A
RokuROKU$ 3,18 miliardiN / A
NetflixNFLX$ 142 miliardi262
AmazonAMZN$ 739 miliardi248

GRAFICO PER AUTORE. INFORMAZIONI DA YAHOO FINANCE. TUTTI I DATI SONO AGGIORNATI ALLE 10:20 EDT DEL 23 APRILE.

Apple

Uno dei veri titani della tecnologia, Apple ha un seguito fedele per i suoi iPhone, computer Mac e iPad e Apple TV. La società non domina quando si tratta di quote di mercato , ma vende i suoi dispositivi a prezzi costantemente elevati rispetto ai suoi concorrenti. La società ha anche molti dei suoi clienti telefonici bloccati per sostituire i loro telefoni ogni anno o ogni due anni, il che mantiene il flusso di profitti.

Apple ha un’attività redditizia che vende intrattenimento e app . Controlla lo store per le app per iPhone e iPad. Ciò consente all’azienda di ottenere una parte dei profitti, garantendo al contempo che solo le app che soddisfano i suoi standard raggiungano le sue piattaforme. Ciò crea ciò che è noto come un ecosistema appiccicoso – un ambiente in cui un cliente deve attenersi a Apple per utilizzare tutti i suoi acquisti precedenti, che possono essere sfruttati per indurre i consumatori ad acquistare nuovi dispositivi e rimanere nell’ecosistema.

Microsoft

Una volta il leader indiscusso in questo spazio, Microsoft ha attraversato alcuni ostacoli mentre smartphone e tablet hanno iniziato a sfidare i computer tradizionali. Ciò ha reso Windows, il sistema operativo (SO) dell’azienda, meno dominante e ha creato sfide di vendita anche per la suite Office dell’azienda.

Tablet e smartphone con Android e iOS di Apple potrebbero svolgere molte funzioni simili a quelle di un computer. Ciò ha reso Windows meno necessario e ha offerto ai consumatori un’opzione. Ciò ha avuto un impatto anche su Office, perché per molti anni Microsoft ha a malapena supportato Office su computer Mac e non ha offerto versioni di iPhone o iPad Android o Apple.

Negli ultimi anni, tuttavia, il  CEO Satya Nadella ha riparato la nave. Ha aperto i prodotti dell’azienda a tutte le piattaforme, ha investito molto nel cloud e ha trasferito Office a un modello di abbonamento con successo. Ora Nadella ha puntato fortemente su AI e IoT, posizionando la società per continuare a trarre profitto dai suoi prodotti consolidati e allo stesso tempo prepararla per la crescita futura.

IBM

L’IBM di oggi mostra quanto un’azienda tecnologica può cambiare nel corso degli anni. Un marchio un tempo noto per essere un leader pionieristico nell’home computing non opera più in quello spazio. Invece, la società si è rifusa come giocatore di cloud computing e leader nell’IA con le sue iniziative basate su Watson , servizi di consulenza e data farm.

Durante la sua trasformazione, IBM ha avuto il supporto di Berkshire Hathaway e del suo CEO Warren Buffett . È interessante notare che la società di Buffet ha venduto la maggior parte della sua partecipazione proprio quando ha iniziato a mostrare segni di inversione di tendenza. IBM ha sofferto per cinque anni di ricavi in ​​calo prima di invertire quello nel quarto trimestre del 2017 e continuare a crescere nel primo trimestre del 2018. Questa è una buona notizia per gli investitori, ma la società sta ancora trovando la sua strada e sviluppando un mercato negli spazi emergenti , dall’apprendimento automatico alla guida automatizzata e altro ancora.

Intel / AMD

Entrambe queste società producono chip per computer, processori e altre parti interne di computer. Non è un’attività pubblicamente visibile, anche se Intel ha fatto notevoli sforzi per ottenere il suo nome con le sue etichette “Intel Inside”.

Questo è uno spazio in crescita, guidato in parte dai giochi e dalla necessità di processori migliori e più veloci per eseguire funzioni come la realtà virtuale e aumentata. Tuttavia, l’aumento della concorrenza da parte di concorrenti tra cui Nvidia ha spinto sia Intel che AMD a concentrarsi sul miglioramento del design, sulla creazione di chip più piccoli con rendimenti più elevati e in generale cercando di fare di più con meno.

Come investitore, questi possono essere titoli difficili da seguire a causa del loro basso profilo pubblico e della dipendenza da partnership. Tuttavia, puoi anticipare parzialmente le vendite di Intel e AMD in base ai dispositivi che utilizzano i loro prodotti. Ad esempio, Intel fornisce processori per l’iPhone di Apple. Quella attività potrebbe non essere una partnership a lungo termine , ma se Intel è all’interno della prossima generazione di iPhone (come dovrebbe essere), gli azionisti ottengono un anno di vendite prevedibili per una parte considerevole del business dell’azienda.

Tesla

Come alcuni degli altri giocatori in questa lista, Tesla non è puramente un’azienda tecnologica. È una casa automobilistica che si differenzia per la tecnologia. L’azienda è anche pioniera nello spazio delle batterie  e sta creando soluzioni avanzate a energia solare.

La più grande sfida per Tesla è stata quella di aumentare la produzione del suo modello 3. a basso costo In teoria, se la società potesse raggiungere i suoi obiettivi di produzione nel modello 3 , il suo futuro a lungo termine sarebbe più chiaro. Fino a quando ciò non accadrà, tuttavia, la società continua a bruciare denaro e corre il rischio di essere soffocata da aziende automobilistiche più affermate mentre si spostano più completamente nei veicoli elettrici.

Roku

Un piccolo riproduttore che ha fatto bene a respingere i giganti, Roku produce lettori in streaming e concede in licenza la sua tecnologia per essere incorporato nei televisori. La società, come notato sopra, vende anche pubblicità, che è stata un’attività in crescita.

Roku opera in un mercato ancora in via di sviluppo. Man mano che i consumatori tagliano il cavo con cavo, sempre più persone opteranno per l’acquisto di dispositivi o televisori che possono accedere ai vari servizi di streaming . Ciò crea domanda per Roku, che ha una linea di prodotti che copre i dispositivi entry-level di livello superiore.

La più grande sfida per Roku è che gli altri giocatori nel suo spazio sono Google, Amazon e Apple. Finora, la società ha più che resistito, ma c’è sicuramente il rischio associato a competere con rivali che possono trascinarti nell’oblio.

Netflix

Non puoi definire un’azienda che produce così tanti contenuti originali come un gioco di pura tecnologia, ma la base di Netflix è la sua piattaforma di streaming. La società ha sfruttato quella piattaforma per far crescere il proprio  business basato su abbonamento a livello globale . Ora ha 118,9 milioni di membri pagati, divisi in qualche modo equamente tra gli Stati Uniti (55 milioni) e il resto del mondo (63,82 milioni), a partire dalla fine del primo trimestre del 2018.

Nel primo trimestre la società ha registrato un aumento del fatturato del 40,4% a $ 3,7 miliardi. Questo è stato il miglior trimestre di crescita dal 2011 grazie a un recente aumento dei prezzi negli Stati Uniti. Inoltre, Q1 ha visto la società aggiungere 7,4 milioni di clienti dopo aver aggiunto 8,3 milioni nel trimestre precedente.

Netflix ha ancora notevoli margini di crescita, sia nel suo mercato interno che a livello globale. La società sarà aiutata dal taglio del cavo e da una maggiore adozione di dispositivi di streaming e TV dotate di streaming, ma dovrà anche continuare a investire miliardi di contenuti ( $ 8 miliardi nel 2018 ) per rendere felici gli utenti attuali e portarne di nuovi.

Amazon

Il leader online è, ovviamente, un rivenditore, ma è senza dubbio anche un leader tecnologico. Oltre a sviluppare la propria piattaforma digitale, Amazon è diventata un leader del dispositivo con i suoi altoparlanti Echo – che hanno incorporato l’assistente digitale Alexa – i suoi tablet e e-reader Kindle e i suoi prodotti Fire TV. Alexa da sola renderebbe l’azienda una potenza tecnologica, poiché l’assistente AI / voice-control ha fissato lo standard per i consumatori quando si tratta di offrire un’integrazione domestica pratica e utile.

Amazon ha anche un gioco di pura tecnologia nel suo crescente business nel cloud di Amazon Web Services . Nel 2017 AWS ha realizzato ricavi per oltre $ 20 miliardi, rendendolo il più grande fornitore di servizi cloud e non ha mostrato segni che la crescita rallenterà presto.

 

Guida Investimenti finanziari per principianti

3 azioni da comprare nel portafoglio titoli di Warren Buffet 

Come diventare ricchi

Azioni di aziende small cap che potrebbero renderti ricco

Azioni Adobe 

Azioni Apple previsione prezzo

Auto d’epoca 

Azioni di Marijuana 

Trading  

Facebook libra 

Come diventare ricco 

Migliori azioni di agosto 

Spread 

Azioni Bitcoin 

ETF Stealth 

Guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina 

Il prezzo del Bitcoin è manipolato 

Termini finanziari più usati

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *