Le Azioni in Cina calano del 9% per paura del Coronavirus

Le azioni cinesi calano di quasi il 9% tra i timori dell’impatto del coronavirus
Mentre le imprese in Cina rimangono chiuse e aumentano i divieti di viaggio, anche il greggio e le azioni in Australia e Giappone subiscono un colpo
I mercati azionari in Cina hanno visto il più grande calo giornaliero da cinque anni mentre i commercianti si affrettavano a vendere tra le continue paure per l’impatto sull’economia globale dell’epidemia di coronavirus.
L’indice composito di riferimento di Shanghai è sceso dell’8,7% lunedì su un’ondata di sentimento negativo che si è accumulato per 10 giorni durante la lunga chiusura del mercato per il nuovo anno lunare.

Il composito di Shenzhen è sceso del 9,1% e pericolosamente vicino alla caduta massima giornaliera consentita del 10%, dopo di che la negoziazione è sospesa. Lo yuan è sceso per la prima volta da sette a un dollaro USA da dicembre.

Le Azioni in Cina calano del 98% per paura del Coronavirus

Le perdite sono state le peggiori sui mercati cinesi dal 2015, anche se sono leggermente diminuite dell’8% nel corso della giornata. Arriva quando il bilancio delle vittime dello scoppio è salito a 361 e più di 17.000 persone infette.

Il contagio si è diffuso in oltre 20 paesi in tutto il mondo e ha portato a divieti di viaggio sui cittadini cinesi negli Stati Uniti, in Australia, in Nuova Zelanda e in molte altre nazioni.

Le autorità cinesi hanno ritirato una serie di misure per affrontare il panico del mercato. Domenica hanno annunciato di aver inondato il sistema finanziario con 1,2 trilioni di yuan (170 miliardi di dollari) in liquidità aggiuntiva, una misura progettata per acquistare titoli da investitori che cercano di vendere.

Lunedì la People’s Bank of China – la banca centrale del paese – ha abbassato il tasso di interesse che addebita alle banche per finanziamenti a breve termine su cui molte banche fanno affidamento per continuare a fare trading.

Capital Economics ha affermato che, sebbene la mossa possa allentare le banche, il taglio dei tassi non è stato sufficiente a compensare la resistenza dell’attività economica dall’epidemia di coronavirus e che pertanto sono in arrivo ulteriori tagli ai tassi.

Mathan Somasundaram, stratega del portafoglio di mercato di Blue Ocean Equities a Sydney, ha affermato che tutte le altre preoccupazioni geopolitiche sono da un lato, mentre la Cina sta lottando per far fronte al virus.

“A nessuno importa del Medio Oriente, a nessuno importa della Brexit se la Cina è traballante”, ha detto Somasundaram. “Non c’è modo che la Cina consumerà qualcosa se vengono chiusi”.

Le crescenti paure per l’economia cinese hanno anche spinto il ministero delle finanze a sovvenzioni sui pagamenti di interessi per alcune società colpite dall’epidemia di coronavirus, ha riferito il quotidiano statale Guangming Daily, ha riferito Reuters.

Inoltre, nel resto dell’Asia del Pacifico si sono registrate forti vendite, con l’indice di riferimento australiano S & P / ASX200 che ha chiuso all’1,34%. Il Nikkei di Tokyo ha chiuso in calo dell’1%, sebbene il mercato di Hong Kong sia salito dello 0,26%.

Il settore energetico più colpito in Australia è stato il settore dell’energia, con l’indice in calo del 3,77% dopo 15 minuti di scambi, poiché il prezzo del petrolio ha continuato a risentire della prospettiva di un rallentamento prolungato della seconda maggiore economia mondiale. Il greggio Brent è sceso di 51c a $ 56,11.

Con gli stretti legami economici dell’Australia con la Cina attraverso le sue enormi esportazioni di minerale di ferro e carbone metallurgico, il dollaro australiano è scivolato a US66,87 c, in calo dal 67,19 c di venerdì. I paradisi sicuri dell’oro e dei titoli di stato hanno continuato a trarre vantaggio mentre gli investitori evitavano il rischio.

Dopo pochi minuti di negoziazione lunedì mattina, una serie di materie prime scambiate in Cina è scesa del massimo consentito in un giorno, tra cui minerale di ferro, nichel, petrolio greggio, olio di palma e uova. Il carbone termico è aumentato a causa delle preoccupazioni per la mancanza di approvvigionamento.

Anche l’industria turistica e dell’educazione australiana dipende fortemente dalla Cina. Il divieto di viaggio per gli stranieri che entrano dalla Cina potrebbe ridurre dello 0,2% la crescita economica in questo trimestre secondo l’economista AMP Shane Oliver.

Gli economisti della UBS di Sydney hanno dichiarato lunedì che si aspettavano che la Reserve Bank of Australia ridimensionasse le sue previsioni di crescita nella riunione mensile di martedì.

Si aspettano che la RBA martedì taglierà i tassi dal già storico debito dello 0,75%, ma sarà costretta a tagliare a marzo e forse di nuovo a giugno, poiché i salari deboli e la spesa dei consumatori trascinano l’economia.

La maggior parte dell’attenzione globale è stata focalizzata sul commercio a Shanghai e Shenzen e su ciò che rivela sullo stato dell’economia del paese.

Molti economisti prevedono che il coronavirus avrà un impatto significativo sull’economia cinese. Molte aziende sono state chiuse come parte del blocco per contenere il virus, mentre la maggior parte delle compagnie aeree all’estero ha sospeso i voli verso il paese e ai cinesi è ora vietato viaggiare all’estero .

Goldman Sachs ha previsto che il virus potrebbe ridurre la crescita cinese al 5,5% per l’anno, dal 6,1% nel 2019, con effetti a catena per il resto dell’economia mondiale.

Citigroup ha detto che le misure adottate dalle autorità cinesi difficilmente saranno sufficienti a prevenire una brusca flessione nel primo trimestre.

“Poiché la maggior parte dei dipendenti non tornerà al lavoro fino al 9 febbraio”, hanno affermato, “è probabile che le perdite di produzione siano maggiori del previsto e i dati sulle attività economiche in entrata continueranno a spingere le autorità a intraprendere ulteriori azioni al fine di ridurre il impatto negativo del coronavirus di Wuhan sull’economia “.

Chris Weston, stratega del mercato presso il broker Pepperstone, ha dichiarato che “il grande sconosciuto” è stato il modo in cui i mercati finanziari cinesi hanno risposto lunedì allo spettacolo di forza della banca centrale del paese.

“Il fatto che il [regolatore] cinese abbia spiegato in dettaglio che vede l’impatto del coronavirus come” di breve durata “è progettato per infondere fiducia”, ha detto Weston. “Se il mercato si nutre di questo ottimismo è un’altra cosa, dato che la diffusione del virus è ancora nella sua fase esponenziale.”

Coronavirus un’opportunità di investimento? 

Come mettere in quarantena una città  

Cosa sappiamo finora del Virus cinese

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *