Coronavirus e Stati Uniti: Conseguenze in Economia Globale

In questo post cercheremo di capire se la più grande potenza economica del mondo, gli Stati Uniti sono pronti a fronteggiare il coronavirus, questione centrale per sapere come andrà l’economia globale nei prossimi mesi. Il Coronavirus questa estate dovrebbe essere un brutto ricordo a livello mondiale, ma intanto tenere ferme fabbriche e vita quotidiana per 6 mesi potrebbe portare a gravissime conseguenze economiche e finanziarie a livello globale.

Wall Street si chiede se la Fed sia in grado di curare un mercato azionario colpito dal coronavirus che ha visto svanire $ 4,3 trilioni di valore nelle ultime 7 sessioni

Una settimana storica per il mercato azionario si è conclusa con una grande e grossa domanda: cosa faranno il governo e la Federal Reserve sull’epidemia di coronavirus che minaccia di decimare il mercato toro più longevo mai registrato?

La malattia infettiva, COVID-19, che secondo come riferito ha avuto origine a Wuhan, in Cina, alla fine dell’anno scorso, ha raggiunto proporzioni virali questa settimana a Wall Street – e letteralmente in tutto il mondo.

I casi di malattia si sono stabilizzati in Cina, ma la sua diffusione al di fuori del paese, in quasi 60 paesi in totale, è ciò che può aver veramente iniettato disagio nei mercati – vedi grafico FactSet:

Sono emersi circa 84.000 casi e circa 2.900 persone sono morte, con diversi paesi che hanno riportato i loro primi episodi di COVID-19, tra cui Brasile, Georgia, Nuova Zelanda e Norvegia. Sabato gli Stati Uniti hanno riportato la sua prima morte , nello stato di Washington.

In un articolo di opinione pubblicato sul Journal of Medicine del New England venerdì, il cofondatore di Microsoft Bill Gates ha affermato che l’epidemia potrebbe essere una pandemia di una volta nel secolo . “I dati finora suggeriscono che il virus ha un rischio di mortalità intorno all’1%; questo tasso lo renderebbe molte volte più grave dell’influenza stagionale tipica, collocandolo tra la pandemia influenzale del 1957 (0,6%) e la pandemia influenzale del 1918 (2%) “, ha scritto, aggiungendo che la Bill e la Melinda Gates Foundation si sono impegnate risorse sostanziali per prevenire tali malattie.

Dai un’occhiata: come si è comportato il mercato azionario durante le epidemie virali passate, mentre il coronavirus si diffonde in Italia e in Iran

Quei fattori, forse, hanno inviato asset di rischio in caduta libera virtuale questa settimana dopo aver scrollato di dosso gli sviluppi relativi al virus dall’inizio dell’anno.

Il danno strutturale alla patina rialzista di Wall Street è innegabile, come il DIA Jones Industrial Average DJIA, -1,39% , l’S & P 500 SPX, -0,82% e il Nasdaq Composite COMP, + 0,01% hanno registrato i loro peggiori cali settimanali dalla crisi finanziaria del 2008. Tutti e tre gli indicatori di livello sono caduti nel territorio di correzione con cadute di almeno il 10% dai picchi recenti.

Tali statistiche non catturano necessariamente la gravità e la velocità del movimento delle scorte, che solo pochi giorni prima avevano messo a segno i massimi storici. In effetti, il deterioramento dal picco è stato a dir poco mozzafiato, evidenziato dalla più rapida scivolata dell’S & P 500 da un record vicino alla correzione nella storia .

Tutti i mercati azionari globali totali hanno spazzato via $ 7 trilioni dai livelli del 19 febbraio, quando l’S & P 500 ha raggiunto il suo record e il solo mercato americano ha perso $ 4,3 trilioni, secondo Howard Silverblatt, analista senior dell’indice presso S&P Dow Jones Indices .

Oltre il 70% dell’S & P 500 è ora in territorio di correzione o peggio. Con un’altra misura, solo due società sono risultate positive per la settimana sull’intero S&P 500: Regeneron Pharmaceuticals REGN, + 3,00% , in crescita del 10,3%, e il chip stock Qorvo Inc. QRVO, + 6,10% , con un guadagno settimanale del 2,4% .

Ecco i 10 peggiori attori dell’S & P 500 della settimana, secondo i dati di mercato di Dow Jones:

Nome della ditta Variazione% da settimana a data

  • American Airlines Group Inc. AAL, -7,52% -31,52
  • Flir Systems Inc. FLIR, -4,40% -27,52
  • Royal Caribbean Cruises Ltd. RCL, + 4,43% -24,22
  • Lincoln National Corp. LNC, -4,90% -24,06
  • Alaska Air Group Inc. ALK, -4,72% -22,88
  • Devon Energy Corp. DVN, + 3,64% -22,56
  • Occidental Petroleum Corp. OXY, + 2,92% -22,27
  • Cimarex Energy Co. XEC, + 7,83% -22,22
  • Gruppo Unum UNM, -2,55% -22,22
  • MGM Resorts International MGM, -3,76% -21,76
Coronavirus e Stati Uniti: Conseguenze nell’Economia Globale
Coronavirus negli Stati Uniti: quanto sono preparati in America?

Riduzione delle tasse?

Rapporti a fine venerdì del Washington Post suggeriscono che l’amministrazione Trump potrebbe discutere dei modi per evitare ulteriori danni al mercato e prevenire un forte rallentamento dell’economia domestica. Secondo quanto riferito, le proposte includevano misure fiscali come tagli fiscali mirati e altre azioni di emergenza.

Il presidente Trump, che CNBC ha riferito che questa settimana si è appoggiato alla Federal Reserve per intervenire per aiutare a contrastare il possibile fallout derivante dalla diffusione del coronavirus, lo ha fatto in modo più esplicito in una conferenza stampa di sabato , dicendo che la Fed dovrebbe essere un leader piuttosto che un seguace nel ridurre i tassi di prestito target in risposta allo scoppio della malattia.

Trump, ha spesso citato i mercati azionari come procura per il successo fiscale della sua amministrazione e per l’economia, ha affermato che i mercati “torneranno tutti”.

Il presidente della Fed Jerome Powell a venerdì a mezzogiorno ha rilasciato una rara dichiarazione non programmata, affermando che il virus rappresentava un “rischio in evoluzione” e ha ribadito che stava monitorando attentamente l’epidemia , che gli operatori di mercato hanno ritenuto implicando che la banca centrale potrebbe essere pronta a tagliare i tassi più lontano dall’attuale intervallo compreso tra 1,50% e 1,75%. I mercati stanno scontando due tagli ai tassi della Fed per quest’anno, con il Treasury TMUBMUSD10Y a 10 anni , + 0,00% rendimento, che si muove in opposizione al prezzo, chiudendo venerdì a un livello record dell’1,127%.

Un ex governatore della Fed, Kevin Warsh, ha sostenuto in un editoriale del Wall Street Journal che la banca centrale dovrebbe prendere “provvedimenti immediati” e tagliare congiuntamente i tassi di interesse.

Warsh era candidata alla presidenza della Fed quando Trump decise di non rinnovare il mandato di Janet Yellen e scelse Powell come suo sostituto. Warsh, ha detto Trump in seguito , avrebbe dovuto fare pressioni più forti per la posizione.

Venerdì Reuters ha anche riferito che le banche centrali globali potrebbero essere inclini a dare il via agli sforzi, se non a movimenti coordinati, per aiutare a arginare i problemi attesi dalla diffusione della malattia.

“Ma in questa fase, quanto aiuto possono davvero offrire ulteriori riduzioni dei tassi?”
Seema Shah, Principali investitori globali
Ciò che rende unica l’epidemia per i mercati finanziari è che ha provocato una rotta guidata da un evento di natura non finanziaria e difficile da incorporare nei modelli finanziari.

Come risolvi un problema come un coronavirus?

Le catastrofi naturali hanno un senso di finalità e alla fine le guerre commerciali possono essere risolte, ma il coronavirus ha il potenziale per fornire interruzioni durature alle catene di approvvigionamento. Pensare, alcuni mesi fa i mercati si stavano agitando per uno scontro tariffario incessante tra Cina e Stati Uniti

“Non importa quanto la Fed tagli i tassi e stimoli la domanda dei consumatori, non può sradicare la necessità di barriere di quarantena e di viaggio per arrestare la diffusione dell’infezione”, ha scritto Seema Shah, capo stratega di Principal Global Investors, in un post del blog di venerdì .

Non è chiaro che la banca centrale sia in grado di fornire lo stimolo necessario per inoculare i mercati finanziari contro i timori di una malattia infettiva che potrebbe ostacolare la crescita e che ha già ammaccato la Cina, la seconda economia più grande del mondo.

I rapporti di Pechino sull’ora locale indicano che l’attività manifatturiera del paese per febbraio è scesa al minimo storico . L’indice ufficiale dei gestori degli acquisti di produzione è crollato a 35,7 da 50 del mese scorso. Qualsiasi lettura inferiore a 50 segnala condizioni contrattuali. Anche una lettura separata dei servizi è scesa al minimo, raggiungendo i 29,6 punti rispetto ai 54,1 di gennaio.

“Il movimento e l’attività sono limitati in Cina e la Cina è al centro di molte catene di approvvigionamento globali critiche”, ha scritto Katie Nixon, responsabile degli investimenti presso la Northern Trust Wealth Management, in una nota di ricerca di venerdì prima che i dati fossero diffusi.

La ricerca suggerisce che ancora oggi circa i due terzi delle fabbriche in Cina non funzionano ancora correttamente, mancano di scorte e manodopera“, ha detto.

In definitiva, “l’impatto più immediato della crescente diffusione del coronavirus è sul sentimento: le persone hanno paura”, ha detto.

Ma è l’impatto economico che gli investitori fanno fatica a calcolare. Tuttavia, è difficile prevedere un’epidemia che potrebbe ostacolare le economie sviluppate per un periodo indefinito.

CoronaVirus in Cina: cosa sappiamo di certo finora

Gli analisti di Morgan Stanley venerdì hanno ipotizzato che tre scenari potessero svolgersi per l’epidemia e i mercati:

  1. Contenimento entro marzo: l’epidemia di virus è contenuta entro la fine di marzo e l’attività produttiva in Cina si normalizza da metà a fine marzo, limitando l’interruzione al primo trimestre di quest’anno. La crescita globale scende a un – 2,5% annualizzato nel primo trimestre (dal 2,9% nel quarto trimestre del 2019), ma recupera significativamente dal secondo trimestre in poi.
  2. Escalation in nuove aree geografiche: l’ interruzione si estende nel secondo trimestre, poiché nuovi casi continuano ad aumentare in altre parti del mondo, prima di raggiungere il picco entro la fine di maggio. La crescita globale è in media solo del 2,4% annuale nel primo semestre dell’anno, ma riprende dal terzo trimestre in poi.
  3. Persistenza nel terzo trimestre: aumento del rischio di recessione. Il virus continua a diffondersi nel terzo trimestre, includendo tutte le grandi economie. La Cina sta affrontando un nuovo aumento in nuovi casi mentre riavvia la produzione. Le interruzioni continuano nel terzo trimestre. La crescita globale rimane debole tra il primo e il terzo trimestre. Un’interruzione prolungata comporta il rischio di danni alla redditività aziendale e un aumento dei rischi di credito aziendale.
    Negli Stati Uniti sono già in atto restrizioni preventive ai viaggi. In effetti, alcune società stanno suggerendo ai dipendenti di differire e limitare determinati tipi di viaggio sia a livello professionale che personale.

Le banche centrali non possono, sostengono alcuni strateghi ed economisti, curare le economie che stanno rallentando a causa di un focolaio virale.

“Sicuramente non ci vorranno troppi dati economici e notizie sull’infezione molto più spinti per indurre la Fed a fornire il taglio dei tassi per il mercato. Ma in questa fase, quanto aiuto possono davvero offrire ulteriori riduzioni dei tassi? ” Si chiese Shah.

Ciò potrebbe spiegare perché i commenti di Powell di venerdì hanno offerto solo freddo conforto per gli investitori scossi dall’epidemia e dalla loro incapacità di prevedere.

Il risultato è che questa recessione potrebbe essere più di una semplice correzione della varietà del giardino e potrebbe essere una recessione che potrebbe mandare azioni in un mercato ribassista, ponendo fine a una lunga corsa al toro che è al suo dodicesimo anno, secondo alcuni analisti. È difficile capire con un mercato del lavoro che è stato eccezionale e altre parti dell’economia che hanno ronzato.

In ogni caso, la recente scivolata nei mercati ha inasprito le condizioni finanziarie di una misura, secondo Oxford Economics, che dimostra che un indicatore di stress nel mercato è ai massimi livelli da prima che Powell e la società avessero intrapreso una serie di tre quarti- tagli dei tassi in percentuale nel 2019:

Joy Wiltermuth di MarketWatch ha riferito che le crepe stanno effettivamente iniziando a formarsi con un debito di tipo speculativo o “obbligazioni spazzatura”, vedendo gli spread del credito divaricati di 100 punti base. L’ampliamento del debito è indice di sentimento acre e aumento dei costi in un’area chiave di finanziamento per le aziende. Le obbligazioni energetiche hanno subito il peso maggiore del prezzo del greggio CL00, + 1,12% è stato uno dei principalivittime dell’epidemia di coronavirus perché gli investitori temono che la domanda di greggio possa essere danneggiata dall’epidemia.

Oxford Economics prevede che l’espansione economica degli Stati Uniti sarà danneggiata se il coronavirus viene classificato come una pandemia dall’Organizzazione mondiale della sanità.

La stima di base dell’impresa prevede una crescita del PIL negli Stati Uniti del 2020 di circa l’1,4% e dopo che la crescita del primo trimestre flirta a zero. “È probabile che anche il secondo trimestre rimanga poco brillante all’1,3%”, ha scritto l’economista senior statunitense presso Lydia Boussour – vedi grafico:

“Factoring [in] la possibilità di un blocco del coronavirus negli Stati Uniti, riteniamo che i rischi siano fortemente inclinati al ribasso”, ha scritto.

L’aumento della volatilità nei mercati azionari

I mercati azionari stavano certamente negoziando come se i rischi fossero inclinati più in basso. Gli investitori hanno affermato che l’azione era caratteristica di un mercato che sta svendendo, con i cosiddetti beni rifugio come l’oro scaricati indiscriminatamente insieme alle azioni.

Uno dei motivi dell’azione di negoziazione è stata la conformità dei funzionari che hanno stretto le redini dei negozi di negoziazione e costretto gli investitori ad adottare posizioni più neutrali, né lunghe né corte, poiché le vendite si sono intensificate nella seconda metà della settimana e hanno modificato il saldo dei portafogli degli investitori.

“Penso che siamo passati dal de-risking al de-grossing”, ha detto a MarketWatch venerdì a mezzogiorno Peter Tchir, responsabile della strategia macro di Academy Securities. “Alle persone viene detto di ridurre le dimensioni della loro posizione: ‘Tagliamo solo il lungo e il pantaloncino”, ha spiegato.

Alcune di queste azioni potrebbero spiegare perché l’oro GCJ20, + 1,31%, è stato portato alla sua peggiore perdita giornaliera in sette anni, anche se il mercato azionario, che di solito si muove nella direzione opposta del lingotto, ha segnato la sua settimana peggiore in 12 anni. Gli investitori potrebbero anche essere stati costretti a vendere oro, che aveva già avuto un forte rialzo prima di questo sell- off, per soddisfare le richieste di margine , hanno ipotizzato alcuni strateghi.

Le interruzioni in tali correlazioni, ha affermato Tchir, sono una caratteristica distintiva di un mercato che si sta svolgendo in modo spettacolare. Ciò include titoli precedentemente abbattuti come i servizi di viaggio e persino gli operatori crocieristici, tra cui TripAdvisor Inc. TRIP, + 3,21% , Booking Holdings Inc. BKNG, + 2,16% , Royal Caribbean Cruises Ltd. RCL, + 4,43%, Norwegian Cruise Line Holdings Ltd. NCLH, + 7,25% e Royal Caribbean Cruises Ltd. RCL, + 4,43% , che è aumentato quando non avrebbero dovuto farlo in uno scenario di epidemia .

I movimenti curiosi sono arrivati ​​anche con un picco di volatilità, con l’indice di volatilità Cboe VIX, + 2,43% , un indicatore della volatilità attesa, che salta al 40,11, la sua chiusura più elevata da agosto 2015, secondo i dati di FactSet.

In termini intraday, il Nasdaq Composite, che ha terminato la sessione di negoziazione di venerdì solo un capello in un territorio positivo, per esempio, era sceso di ben il 3,5% all’inizio della sessione fino a intraprendere la sua inversione più marcata dal 2008, secondo i dati di mercato di Dow Jones .

Le mosse sbalorditive probabilmente suggeriscono che il mercato potrebbe avvicinarsi a un cosiddetto bottom – o semplicemente non riuscire a trovare acquisti in questo ambiente. Ma dove stanno le cose è l’ipotesi di chiunque .

I trader hanno affermato che la maggior parte degli scambi non si è sentita in preda al panico, ma ha osservato che la volatilità nata da un focolaio di virus è una variabile diversa da calcolare per gli investitori.

Quando normalizzeranno le cose?

Jason Katz, amministratore delegato di UBS e gestore di portafoglio senior, potrebbe aver detto meglio: “Non abbiamo bisogno di un taglio dei tassi; abbiamo bisogno di un vaccino “, ha detto alla CNBC. “E l’unica cura per i mercati è il tempo.”

Katz ha detto che stava consigliando ai suoi clienti di usare il fine settimana per “fare un respiro profondo” e ha detto che le correzioni sono alla pari per il corso anche se questa settimana è sembrata meno del normale.

Ciò può rivelarsi un saggio consiglio, anche se, per alcuni, quel respiro profondo potrebbe essere attraverso una maschera respiratoria N95.

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *