Comprare Bitcoin se sei in Pensione conviene?

Il tuo portafoglio da pensionato ha bisogno di Bitcoin? La criptovaluta è aumentata vertiginosamente, quindi non c’è da meravigliarsi se gli investitori vogliono una parte dell’azione. Dovresti investire? Forse, ma tienilo al minimo

Ultimamente gli investitori di Bitcoin hanno fatto un giro selvaggio. Dopo essere scesa di circa il 74% nel 2018, il prezzo della valuta digitale è quasi raddoppiata nel 2019 e poi quasi quadruplicata nel 2020. Anche i volumi di scambio sono saliti alle stelle poiché i singoli investitori hanno adottato le criptovalute attraverso piattaforme di trading senza commissioni come Robin Hood.

Originariamente concepito come un’alternativa digitale e crittografata alle valute tradizionali controllate dalle banche centrali, il bitcoin ha anche attirato più interesse da parte degli investitori tradizionali. Ad esempio, BlackRock ha recentemente aggiunto il linguaggio del prospetto dando a tre dei suoi fondi la flessibilità di investire in future su bitcoin. Diversi investitori istituzionali di alto profilo hanno pubblicizzato il bitcoin come investimento a lungo termine con un significativo potenziale di rialzo, anche dopo il suo precedente aumento.

Ci sono alcuni argomenti a favore del bitcoin come investimento, ma ci sono anche motivi per essere scettici. Nel complesso, ha abbastanza aspetti negativi che esiterei a ritagliarmi più di una piccola frazione di un portafoglio per bitcoin.

Comprare Bitcoin se sei in Pensione conviene?
Immagine sopra: un Bitcoin

Il caso di Bitcoin

Bitcoin è stato salutato come una tecnologia trasformativa che promette di rivoluzionare l’intero panorama del denaro e dei pagamenti. In effetti, l’entusiasmo che circonda bitcoin è così intenso da rasentare il fervore religioso. Lo stesso Bitcoin è stato persino paragonato a una religione, con una propria serie di dottrine, testi sacri, accoliti e rituali.

I sostenitori di Bitcoin spesso sostengono che poiché solo 21 milioni di bitcoin possono mai essere estratti, una fornitura permanentemente limitata dovrebbe supportare il suo valore. È spesso visto come un’alternativa all’oro, che ha anche un’offerta limitata ma ha un valore intrinseco più definibile perché è utilizzato per gioielli, applicazioni industriali e come riserva tangibile di valore. Le criptovalute come il bitcoin potrebbero potenzialmente beneficiare di una maggiore domanda di transazioni internazionali sicure, attività bancarie a basso costo e micropagamenti anonimi o pagamenti generici. L’effetto di rete entra in gioco anche con bitcoin, poiché la crescita dell’utilizzo dovrebbe (teoricamente) aumentare il suo valore a un tasso esponenziale.

L’offerta limitata di Bitcoin lo rende anche una potenziale copertura contro le pressioni inflazionistiche a lungo termine. Con la Federal Reserve che stampa moneta a un tasso senza precedenti, il mercato sta attualmente scontando un tasso di inflazione di pareggio quinquennale del 2,18% (la differenza tra i rendimenti obbligazionari nominali e quelli aggiustati per l’inflazione), che sarebbe superiore all’inflazione insolitamente favorevole che noi visto negli ultimi anni. Il bitcoin ha spesso (anche se non sempre) storicamente una correlazione negativa con il dollaro USA, che ha iniziato a perdere terreno nel marzo 2020 dopo una tendenza al rialzo generalmente forte nel decennio precedente. Il valore futuro di Bitcoin dipende in parte dall’accettazione e dall’utilizzo diffusi come valuta alternativa. A differenza delle valute tradizionali, non è controllata dai governi centrali. In tal senso,

Il caso contro Bitcoin

Ma ci sono motivi per essere scettici. In quanto asset virtuale che non genera flussi di cassa, il bitcoin non ha alcun valore intrinseco. Il suo valore dipende in gran parte da ciò che le persone sono disposte a pagare. Quando Scott Minerd di Guggenheim è stato citato nel dicembre 2020 sostenendo che il bitcoin poteva valere fino a $ 400.000, i prezzi dei bitcoin sono rapidamente aumentati. Ma senza una solida base per supportare un valore sottostante, i prezzi delle attività possono scendere rapidamente.

Questo è esattamente quello che è successo nel 2018, quando l’indice CMBI Bitcoin TR è sceso del 74%. Più recentemente, il prezzo del bitcoin è sceso di quasi il 30% dal suo picco l’8 gennaio fino a scendere brevemente sotto i $ 30.000 il 27 gennaio 2021. Anche i prezzi infragiornalieri tendono all’estremo, con i prezzi che oscillano spesso con percentuali a due cifre nello stesso giorno di negoziazione . Questi bruschi movimenti dei prezzi significano che i proprietari di bitcoin devono essere pronti a “HODL” – tenere duro per tutta la vita.

Bitcoin è spesso descritto come oro digitale, ma non ha retto particolarmente bene durante i periodi di crisi del mercato. Nel quarto trimestre del 2018, ad esempio, bitcoin ha perso circa il 44% del suo valore, rispetto a circa il 14% per il mercato più ampio. Quando il coronavirus ha sconvolto il mercato dal 19 febbraio al 23 marzo 2020, bitcoin ha perso circa il 38%, rispetto al 34,5% dell’indice del mercato statunitense di Morningstar. Durante le settimane in cui il mercato azionario complessivo ha registrato rendimenti totali negativi (nel periodo da agosto 2010 fino alla fine del 2020), bitcoin ha ottenuto risultati positivi solo circa la metà delle volte.

Come accennato in precedenza, i sostenitori del bitcoin spesso sostengono che un’offerta limitata dovrebbe creare un valore minimo per il valore del bitcoin. Ma mentre l’offerta di bitcoin stesso è limitata, nulla impedisce l’emergere di criptovalute concorrenti. Sono già disponibili numerose alternative bitcoin, tra cui Ethereum, Litecoin, Cardano, Bitcoin Cash e Lumens, solo per citarne alcuni.

Le commissioni e i costi di transazione sono un altro aspetto negativo, con alcune piattaforme che applicano uno spread e più una commissione fissa o variabile (a seconda di quale sia maggiore) in base alla posizione e al metodo di pagamento dell’investitore. Ci sono anche commissioni per il pagamento con carta di debito e potenziali costi aggiuntivi per l’hosting e l’archiviazione necessari per proteggere le risorse bitcoin da furti digitali o altre perdite.

Gli investitori britannici possono anche acquistare ETF collegati alla blockchain, nonché società quotate legate all’estrazione e al finanziamento di bitcoin. Ma il divieto della Financial Conduct Authority sui derivati ​​di criptovaluta e sulle note negoziate in borsa è arrivato nel gennaio 2021. E il regolatore ha appena ritirato il suo avvertimento agli investitori al dettaglio sui rischi dell’investimento in criptovalute, affermando che le truffe e le società non regolamentate stanno proliferando con l’aumento dei prezzi e l’interesse picchi.

Ruolo nel portafoglio

Bitcoin può svolgere un ruolo nella diversificazione di un portafoglio, ma l’impatto dell’aggiunta di varie ponderazioni varia a seconda del periodo di tempo. Per quantificare ciò, ho esaminato l’impatto dell’aggiunta di diverse percentuali di bitcoin a un portafoglio interamente azionario.

Nel corso del triennio finale terminato nel 2020, l’ascesa fulminea di bitcoin potrebbe portare a una semplice conclusione: più è, meglio è. Bitcoin ha mostrato una volatilità più di quattro volte maggiore (misurata dalla deviazione standard, che mostra come si comportano gli investimenti in relazione alla media) degli indici del mercato azionario nel periodo. Ma a causa della sua bassa correlazione con il mercato azionario, l’aggiunta di bitcoin non ha aumentato più di tanto la volatilità. Anche una ponderazione del bitcoin del 10% avrebbe aumentato la deviazione standard del portafoglio di un importo abbastanza moderato, come mostrato nella tabella seguente. Dal punto di vista del portafoglio, i rendimenti più elevati hanno più che compensato la maggiore volatilità; Gli indici di Sharpe, che mostrano la performance degli investimenti rispetto agli asset privi di rischio, sono aumentati di pari passo con le ponderazioni più elevate in bitcoin.

Tuttavia, il quadro sembra meno favorevole negli ultimi 10 anni. La deviazione standard di Bitcoin era più di 15 volte quella del mercato azionario, rendendolo tra gli asset più volatili nel database di Morningstar con oltre 35.000 indici di mercato. Di conseguenza, sia il rischio che i rendimenti sono aumentati con ponderazioni bitcoin maggiori. Anche una ponderazione dell’1% avrebbe portato a un forte aumento della deviazione standard rispetto a un portafoglio interamente azionario, nonché a drawdown significativamente peggiori. Il ribilanciamento mensile avrebbe portato a migliori rendimenti aggiustati per il rischio, ma tale approccio potrebbe essere poco pratico per molti investitori alla luce dei costi di transazione di bitcoin.

Data la divergenza nei risultati su diversi periodi di tempo, la decisione su una ponderazione bitcoin appropriata dipende in parte dal fatto che si pensi che il futuro assomiglierà più al passato recente o più al periodo di 10 anni finali. Gran parte dello strabiliante record di 10 anni di bitcoin deve a una corsa fuori scala dal 2011 al 2013, quando l’indice CMBI Bitcoin TR ha registrato rendimenti annualizzati di oltre il 1.000% all’anno, incluso un guadagno di oltre il 5.300% in Solo 2013. Questi guadagni potrebbero non essere ripetibili, in parte perché i volumi di scambio in bitcoin sono aumentati di quasi 3.000 volte dal 2014. Sul lato positivo, la volatilità è notevolmente diminuita, sebbene la deviazione standard di bitcoin rimanga più di quattro volte superiore a quella del mercato azionario più ampio.

Vale anche la pena notare che man mano che il bitcoin si sposta nel mainstream, sta diventando meno prezioso come diversificatore di portafoglio. Come mostrato nel grafico sottostante, il bitcoin ha avuto correlazioni piuttosto basse con la maggior parte delle principali classi di asset negli ultimi tre anni. Tuttavia, le correlazioni, che mostrano come le risorse si muovono in tandem tra loro, sono aumentate. Nel 2020, ad esempio, bitcoin aveva un coefficiente di correlazione di 0,68 rispetto all’S & P 500, rispetto allo 0,32 del periodo di tre anni finale. (Una correlazione di 0 non mostra alcuna connessione tra due asset, mentre 1 mostra una correlazione positiva perfetta, quando due asset si comportano esattamente allo stesso modo). Tuttavia, la sua correlazione negativa con il dollaro USA è diventata ancora più pronunciata, rendendolo una copertura potenzialmente preziosa contro la continua debolezza del biglietto verde.

3 azioni da tenere d’occhio

Come iniziare a fare investimenti di soldi

Come ho guadagnato il 700% in un anno

3 azioni nel portafoglio titoli di Warren Buffet  

Azioni Tecnologiche

Come diventare ricchi

Azioni di aziende small cap che potrebbero renderti ricco

Azioni Adobe 

Azioni Apple previsione prezzo

Auto d’epoca 

Azioni di Marijuana 

Trading  

Facebook libra 

Come diventare ricco 

3 azioni da comprare nel portafoglio titoli di Warren Buffet 

Previsione Borse Valori

Come diventare ricchi

Azioni di aziende small cap che potrebbero renderti ricco

Azioni Adobe  

Azioni Tecnologiche

Azioni Apple previsione prezzo

Auto d’epoca 

Azioni di Marijuana 

Trading  

Facebook libra 

Come diventare ricco 

Migliori azioni di agosto 

Spread 

Azioni Bitcoin 

ETF Stealth

L'Economia dalla parte dei consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *