Vivere in Portogallo in Pensione 2021, Vantaggi e Svantaggi

Trasferirsi a vivere in Portogallo in pensione o per lavoro nel 2021, è conveniente?

AGGIORNAMENTO IMPORTANTE: il nuovo governo portoghese sta pensando ad un’aliquota del 10% ed un versamento fisso di 7.500 euro all’anno per i pensionati stranieri che si trasferiscono nel paese per più di 183 giorni all’anno, finora l’aliquota era dello 0%. Questo varrà solo per i NUOVI RESIDENTI ( non per coloro che già usufruiscono degli sgravi fiscali e hanno preso la residenza lì prima della legge).

Quali sono i vantaggi per un pensionato italiano di andare a vivere nel paese iberico? Oggi torniamo a parlare di come vivere in pensione all’estero in modo conveniente, parliamo di pensione in Portogallo e perché tanti pensionati si trasferiscono in questo paese, visto che in questi ultimi mesi si è parlato di una proposta simile: esenzione fiscale per pensionati che si trasferiscono nel Sud Italia.
Cinque mila pensionati francesi si sono già trasferiti, altri sono arrivati dalla Germania e da altri paesi europei, attratti dagli sconti sulle tasse. Sempre più pensionati europei vanno a vivere in Portogallo per vari motivi: innanzitutto sono motivi legati agli incentivi fiscali .
In Portogallo un pensionato europeo paga 0 tasse per i primi 10 anni a patto che abbia un contratto di affitto di una casa e che abiti lì per almeno 6 mesi ed 1 giorno in un anno.

 

Il Portogallo é un paese accogliente, con la cultura del tutto simile alla Nostra.

In tutti i trasferimenti da uno stato all’altro ci sono i suoi pro e contro, ma ovviamente l’unico vero grande ostacolo per andare a vivere in un paese straniero è la lingua, in in Portogallo non c’é nemmeno tanto bisogno di fare chissà quanto studio; il portoghese è una lingua latina che Noi riusciamo a capire abbastanza bene anche se non l’abbiamo mai studiata, proprio come il francese e lo spagnolo; d’altronde la presenza italiana in Portogallo è ben nutrita ed inserita nel territorio, con la quasi totalità delle industrie italiane internazionali che hanno filiali in questo paese.

Trasferirsi a vivere in Portogallo, sempre più pensionati italiani vogliono andare a viverci

Prendere la pensione in Portogallo e viverci stabilmente, offre degli innegabili vantaggi, quali un ottimo clima, con posti di villeggiatura magnifici, specialmente in estate e con posti turistici di rilevanza storica di tutta qualità; d’altronde la vecchia monarchia portoghese ha avuto il suo massimo splendore intorno al XVII° – XVIII° secolo, ed ha lasciato vestigia di tutto rispetto dove in turista pensionato può perdersi per giorni per solo cercare di dare un’occhiata a tutto quanto offre questo paese.
Tanti pensionati italiani stanno chiedendo informazioni su come potersi trasferire in Portogallo; Noi Vi invitiamo a leggere l’articolo di approfondimento sulle “Azzorre“, un approfondimento che parla proprio di pensionati italiani che si sono trasferiti per godere degli incentivi fiscali nelle isole portoghesi.,

Portogallo in pensione consigli utili 

Trasferirsi a vivere in Pensione in Portogallo: come riscuotere la pensione dell’INPS:

Basta ottenere lo status di “residente non abituale“, quindi di avere un contratto di affitto valido e risiedere nel paese per almeno 6 mesi ed 1 giorno all’anno; niente tasse per i primi 10 anni.
Questo, in alcuni casi si rileva un guadagno che può essere anche di migliaia di euro all’anno per pensionati che in Italia prendono pensioni alte, ma anche chi prende 20.000 euro di pensione all’anno, ha un notevole vantaggio fiscale, tanto che, con i soldi che risparmia di tasse ci si può pagare l’affitto di un appartamento , come dicono le testimonianze nel video che abbiamo pubblicato in questa pagina.

 

Andare a Vivere in Portogallo in pensione : i vantaggi

 

Esenzione fiscale del 100% sulla pensione per i primi 10 anni se si diventa residenti non abituale testimoniato da un regolare contratto di affitto o di compravendita di una casa.

Costo della vita favorevole rispetto all’Italia

Mercato immobiliare molto conveniente in questo periodo.

Usi e costumi simili a quelli italiani ed europei.

Stessa religione.

Sistema sanitario efficiente.

Lingua facile da imparare, il portoghese è una lingua neolatina molto simile all’italiano.

Clima ottimo, con un inverno particolarmente mite.

Ottimi posti per passare le vacanze estive.

Ora grazie ad internet, gli amici ed i parenti si possono sentire e vedere tutti i giorni quanto tempo vogliamo, basta una semplice connessione con Skype o Facebook.

Andare a Vivere in Portogallo: gli svantaggi

Non avere parenti e amici vicini; questa cosa che può sembrare banale in realtà è la ragione principale per cui l’80% trasferimenti di pensionati all’estero fallisce.

Per usufruire dei vantaggi fiscali, bisogna stare in Portogallo almeno 183 giorni all’anno, in pratica poco più di metà dell’anno cioè almeno 6 mesi ed 1 giorno ( anche se i controlli sono pochi o quasi inesistenti).

La lingua, nonostante sia molto facile da imparare, se non si approfondisce lo studio, difficilmente si potranno instaurare rapporti profondi con portoghesi.

Quanti pensionati italiani vivono stabilmente in Portogallo?

Il numero dei pensionati italiani in fuga che si stanno trasferendo a vivere stabilmente nel paese iberico, è in continuo aumento.

Come potete leggere dai tanti commenti sotto l’articolo, ormai chi è in pensione e non ha molti legami in Italia, cerca di informarsi su come poter andare a vivere in questo accogliente paese.

Come abbiamo già avuto modo di specificare, il Portogallo è un paese con una lingua ed una cultura del tutto simili alla Nostra, dove l’ambientamento è molto più facile rispetto ad altri paesi che offrono ai pensionati italiani ed europei dei vantaggi di imposte simili a quello che fanno qui, ma che però hanno una cultura ed una lingua totalmente differente dalla Nostra ( vedi la Tunisia, per esempio).

Vita in Portogallo: com’è l’assistenza sanitaria

Uno dei motivi per cui è sempre bene preferire un paese europeo ad uno africano o del centro America o sud America, è l’offerta dell’assistenza sanitaria.

L’Unione Europea ha degli standard eccellenti per le persone anziane, se uno sta male insomma, ci saranno medici ed infermieri che lo assisteranno in maniera professionale e gratuita ( almeno nelle prime cure), e si sa, quando si inizia ad essere anziani, gli acciacchi aumentano insieme agli anni e bisogna avere la certezza che qualcuno si occupi di Noi in modo professionale.

Esperienze e testimonianza di pensionati italiani che vivono in Portogallo, guarda il video:

Solo di recente la TV si è occupata di questo fenomeno che ormai riguarda migliaia di Nostri connazionali.

In questa pagina, in cui si è sviluppata una notevole discussione,  stiamo cercando di raccogliere testimonianze di persone reali che stanno abitando o sono andate ad abitare in Portogallo, sicuramente la mèta più ambita per i pensionati italiani, per tutti i motivi che vi abbiamo elencato sopra.

Ci sono anche nomi illustri dello spettacolo, ma sopratutto ci sono quel tipo di pensionati che hanno lavorato come dipendenti e che hanno versato una vita di contributi e che in Italia , dei loro 2.000 euro al mese lorde ne prenderebbero meno di 1.500 che si sono trasferiti in queste sponde dell’Oceano Atlantico per cercare di vivere 10 anni in modo sereno ed esentasse.

Per finire, vi ricordiamo che pagando un appartamento in affitto, che può variare dalle 400 alle 700 euro al mese, non dovrete pagare tutte le tasse sulla casa che un normale residente in Italia deve pagare.

Altri paesi dove andare a vivere dopo la pensione:

Russia 

Irlanda 

Slovenia 

 Svezia 

Tunisia

Isole Canarie

Italia del Sud ed Isole italiane

Croazia

Grecia

Spagna

Albania

Germania per lavoro e pensione

Svizzera 

Svezia

Romania

Bulgaria 

Polonia 

Brasile

Canada

Nuova Zelanda

Regno Unito

Isole Canarie per lavoro 

Vietnam

Thailandia

Polonia

Approfondimenti – – Migliori posti dove trasferirsi nel 2020Invalidità all’estero, è possibile prenderla?

Ragioniere, pubblicista e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

74 commenti

  1. secondo me il vero scandalo è permettere a chi riceve un reddito ( pensione o altro)in italia di non pagarvi le tasse nel nostro paese; poi libero ciascuno di andare a vivere dove più lo aggrada Inoltre vorrei fosse chiaro che il meccanismo premia chi più guadagna ( il beneficio è esiguo per chi percepisce poco e grande per chi percepisce molto) Con questo meccanismo Marchione che guadagna milioni di euro annui non paga nulla nel nostro paese Inoltre la residenza non abituale è un espediente vi sono oleati meccanismi che portano a residenze fittizie ( presso commercialisti o altro), per cui di fatto si continua e risiedere in italia ( a carico delle nostre strutture) e a non pagare nulla; alla faccia dei fessi che pagano le tasse Se non si pone rimedio a questo scandalo è una vergogna per gli onesti

    1. Scusi ho letto solo ora il suo commento.
      Non voglio dir nulla sulla sua discutibile volontà di rimanere anonimo ma rispondo al suo commento con una domanda:
      perché dovrei pagare le tasse laddove non usufruisco di servizi?
      Mi pare che a questo servano le tasse, a garantirci i servizi dello Stato.
      Inoltre anche l’Italia con i suoi luoghi incantevoli, la cultura, il clima e la buona cucina potrebbe attirare migliaia di pensionati stranieri pronti a spendere nel nostro paese se avessero sgravi fiscali.
      Le rammento che il Portogallo in poco tempo ha preso due punti di PIL solo con i pensionati stranieri.
      Un cordiale saluto e sinceri auguri di buone feste a lei e Famiglia.

  2. Sono interessato a fare questo passo: sono un pensionato Inps di 69 anni. Chi mi da un sostegno morale condividendo questa decisione? Il mio indirizzo e-mail e' iodex @ inwind.it. Grazie
    IODEX

  3. chiedo a qualcuno che vive in portogallo con qualche problema di salute ci si può vivere anche se la pensione è bassa ? ho 65 anni è ho una pensione di invalidità sotto i mille euro. qualche consiglio grazie a chiunque mi voglia aiutare la mia email : giankytre chiocciola gmail.com

  4. Faccio comunque presente che non è vero che la lingua portoghese sia facile da imparare, tanto meno da parlare e ancora meno da comprendere (l’ho studiata per anni quindi so cosa dico)

  5. Siamo tre pensionati mio marito io e mio fratello e stiamo pensando di trasferirci in Portogallo, una piccola casetta di due stanze da letto cucina, bagno e se possibile un piccolo giardinetto per passare il tempo, mi farebbe piacere avere informazioni più dettagliate per quanto riguarda l’abitazione, possibilmente una piccola cittadina vicino al mare….. chiedo troppo?

  6. attenzione! l’esenzione x 10 anni agli ex inpdap nonè concessa per accordi tra stati
    infatti alcune associazioni italiani all’estero stanno facendo ricorso

  7. Buongiorno, ho letto con attenzione tutti i commenti e molto interessanti e preziosi alcuni suggerimenti.
    Non ho trovato citato il caso di pensioni erogate da parte di Enti di Previdenza di Liberi professionisti (Medici, avvocati, ingegneri, ecc).
    Valgono, ritengo, le stesse agevolazioni fiscali previste per i pensionati INPS ?.
    La pratica per ottenere la defiscalizzazione è la medesima ?
    Grazie, per il chiarimento.

  8. buongiorno, se si risiede 365 gg , si puo’ sempre richiedere lo stato di residenza non abituale? grazie per chi mi sa rispondere.

  9. Gradirei ulteriori chiarimenti e contatto via email.; è il mio primo ed unico commento ed è il mio primo approccio per questa eventualità relativa a trasferirsi in Portogallo. Grazie.

  10. io sto già vagliando le diverse offerte di vendita immobiliare in portogallo. a parte l’enorme differenza dei prezzi rispetto all’italia, se decido di stare i 6 mesi richiesti, in affitto, devo contemplare la conferma del contratto d’affitto in italia e questo inficerebbe tutto il risparmio sulle tasse. quindi, per me, l’unica soluzione è comprare e rendere la quota di rimborso tasse
    come rata del mutuo. in portogallo, dicono, le tasse sulla compravendita le paga solo chi vende e non ci sono restrizioni sull’età anagrafica, come in italia, per richiederlo. tra dieci anni, quando scade la convenzione, mi ritrovo con una casa pressoché, se non totalmente, pagata con soldi che in italia non avrei proprio visto. se vorrò, rimango ma con la tassazione vigente, o vendo o affitto, ottenendo un ulteriore margine di guadagno, impensabile restando in italia a farsi derubare dopo 40 anni di contributi versati

    1. Perdonami Costantino, non capisco cosa intendi per “contemplare” la conferma del contratto d’affitto in Italia. La registrazione del contratto non va fatta esclusivamente in territorio portoghese?

    2. COSTANTINOBUONGIORNO IDEA INTERESSANTE SEI GI’ RIUSCITO A FARE QUESTA OPERAZIONE? GLI APPARTAMENTI QUANTO COSTANO?? ED IL MUTUO LO DANNO FACILMENTE? POSSIAMO TENERCI IN CONTATTO??
      MA TU ABITI GIA’ IN PORTOGALLO?
      TI LASCIO MIA MAIL SE VUOI RISPONDERMI GRAZIE
      nalpa@hotmail.it

  11. Salve a tutti mi chiamo Antonello ho 59 anni sono sardo e da questa anno sono in pensione e con mia moglie è il camper a marzo partiremmo in Portogallo per circa un mese per sondare e valutare il trasferimento vi chiedo qualsiasi consiglio per dove abitare, come cercare casa ,ect sopratutto ai Camperisti .la mia mail è antonello murgia @ gmail.com

  12. In Italia ho lavorato da dipendente e poi come lav. autonomo. Sapete quanto mi danno con un montante contributivo di 74milaeuro???? 213€ netti al mese e a partire da 67 anni !!! Stò pensando di trasferirmi all’estero e sono orientato su Portogallo !

  13. Servirebbe maggiore informazione ,precisa e dettagliata su tutto l’iter burocratico tra uffici Italiani e Portoghesi al fine di avere la certezza di ottenere il vantaggio fiscale .
    Pongo una domanda : non si può fare riferimento ad un unico interlocutore affidabile che possa curare il disbrigo delle varie pratiche per i pensionati che intendono trasferirsi ? se siamo in tanti il costo del servizio si dovrebbe abbassare .

    1. Caro Emilio, condivido in pieno il tuo commento!
      Sto cercando di capire ma risulta molto difficile!
      Troppe discordanze tra loro!
      Vorrei trasferirmi ma non da che parte iniziare!
      Sembra che alcuni commenti sono per “sentito dire”.
      Aspetto risposte serie e affidabili! Grazie.
      La mia mail è: aldo.perni203 @ gmail.com

    2. Ciao Emilio, qui un indirizzo Email che vi potrà essere utile( luca@nuova-vita.com ) Siamo (mia moglie ed io ) anche noi interessati ad un trasferimento e di consguenza ho preso contatto con Luca di NUOVA VITA . Luca insieme a suo fratello Carlo dirigono un’agenzia che fa al caso nostro nuova vita punto com/richiesta-info
      Cordiali saluti Pino

  14. sono pensionato e attendo l’imminente pensionamento di mia moglie per trasferirmi in Portogallo dove sono già stato diverse volte per rendermi conto del tipo di vita che dovrei affrontare.
    Molte delle cose che ho letto sono esatte; gli alloggi, magari in affitto sono abbastanza bassi in particolar modo nei piccoli centri dell’Algarve dove non esiste riscaldamento perché inutile; solo condizionatori con pompa di calore.
    Il costo della vita è più basso rispetto all’Italia e parliamo di prodotti alimentari locali (i prodotti importati bisogna proprio cercarli e si trovano solo nei grandi Ipermercati) che sono di ottima qualità – le utenze, quindi acqua ed energia elettrica si riducono a bollette da 25/30 euro se sei uno sprecone.
    Le assicurazioni auto sono molto più basse delle nostre mentre il carburante ha i costo uguale all’Italia.
    Lo stile di vita è molto meno frenetico del nostro ed inoltre ci si sente anche protetti – Guardia civile e Polizia urbana ovunque consentono di passeggiare anche in tarda serata senza doversi guardare le spalle.
    Intendiamoci, anche il Portogallo non sarà un Eden…….però!?!?
    Il clima da Lisbona verso sud è mite anche in inverno – nelle giornate fredde di gennaio nella capitale si possono raggiungere anche i 7/8 gradi ma sono casi abbastanza rari mentre in Algarve non si scende mai sotto i 12/15 gradi in inverno con estati da 30/35 gradi (in questa regione sono rare le piogge).
    Per quanto riguarda i famosi 183 giorni di permanenza, pensionati già con la residenza fiscale da tempo, mi hanno fatto notare l’impossibilità che possano essere verificati.
    Non ci sono più passaporti da timbrare e l’aereo non è l’unico mezzo di trasporto.
    Nessuno mi vieterebbe di arrivare in macchina; come farebbero a controllarmi?
    Comunque l’dea che ci siamo fatti mia moglie ed io è che con quello che si può risparmiare sia dalla pensione che arriva al lordo delle tasse per 10 anni sia dal minor costo della vita, si possa fare la spola fra le due nazioni diverse volte l’anno per adempiere a quanto previsto e per avere modo di godere sia dei propri cari rimasti in patria sia delle bellezze del paese ospitante.

  15. Al mio commento di prima aggiungo che anche nel 2018 andremo in Portogallo una settimana a febbraio e una a settembre come abbiamo fatto quest’anno.
    Ormai per noi è diventato irrinunciabile.
    Aggiungo anche il cognome che, perdonate, nel commento precedente avevo omesso.

  16. Sto pensando di trasferirmi in Portogallo. Sono una pensionata, sola. Mi date qualche ulteriore informazioni a chi dovrei rivolgermi (associazione , studio avv. ecc.) Grazie in anticipo.

  17. gennaio 22,-2018 alle 22,30 pm
    sono Oscar di Verona tra qualche anno io e mia moglie andiamo in pensione
    e stiamo valutando di trasferirci i sull’isola di Madeira che fa parte del Portogallo ed abbiamo poche informazioni su tutto .ci potete dare qualche info.
    grazie mille

  18. Salve , ho seguito con molto interesse tutti i commenti. Sono solo e avrei piacere ad avere informazioni su zone non troppo lontane dal mare, prezzi affitto e informazioni varie. ringrazio in anticipo

  19. salve a tutti, ho letto tutti i commenti. quest’ anno farò un giretto in algarve. l’intenzione è quella di andare a vivere in portogallo fra qualche tempo.
    chiedo specialmente a chi ci vive quali sono le zone piu’ abbordabili e piu interessanti. ringrazio tutti, ciao

  20. Salve, sono Antonio e scrivo dalla Sardegna, anch’io vorrei trasferirmi in Portogallo zona Lisbona ma sono un po’ spaventato dai costi degli affitti che, cercando nei vari siti specializzati, mi sembrano abbastanza alti, ho letto con attenzione tutti i commenti ma ho notato che ce ne sono pochissimi recenti…è cambiato qualcosa rispetto al 2016 – 17 i cui commenti sono prevalenti? Vi ringrazio e aspetto suggerimenti più recenti.
    Antonio

  21. Ciao a tutti,sono Claudio.Quest’altranno (i primi di settembre) sarò in pensione, x questo sto ragionando su un probabile trasferimento in Portogallo.Ho guardato video e letto parecchie storie di pensionati che già ci vivono,che dire ?? La,la vita costa meno.A giorni incontrerò un Signore che,molto gentilmente, mi farà un quadro della situazione molto più precisa.Lui ci abita da ( circa ) 1anno e mezzo e precisamente vive nella regione dell’Algarve,forse la più dispendiosa(parlando di affitti) ma sicuramente la più calda. Cmq prometto che (dopo l’incontro col Sig.Massimo) posterò più informazioni. Ciao a tutti Claudio

  22. Mi chiedo il perche’ la possibilita’ di fruire dei vantaggi di un trasferimento in Portogallo non sia riconosciuta anche ai pensionati INPS. Forse questi non sono cittadini italiani con pari diritti e forse la legge italiana non e’ uguale per tutti? Qual’e’ il razionale di questa discriminazione e chi l’ha imposta?
    Quali speranze vi sono che in futuro questa opportunita’ possa essere riconosciuta ed estesa anche ai pensionati INPS? Vi sono iniziative volte a realizzare questa parita’? Chi puo’ fornirmi qualche delucidazione in merito? (m.e.parri@gmail.com)

  23. Buongiorno, leggo solo ora questi commenti e decisamente credo sia tardi per unirmi a voi, faccio anch’io parte di quei pensionati stanchi di queste caste politiche usurpatrici che ci derubano tassando in modo sconsiderato le nostre pensioni guadagnate con anni di sacrifici, togliendoci la dignità di lavoratori, purtroppo sono sola, da tre anni ho perso mio marito, e non vi nascondo che non riesco a trovare il coraggio per prendere la decisione di partire. Ritengo che l’idea del gruppo sia ottima, ma se mai questa idea avesse trovato fattibilità vi prego di contattarmi e se possibile darmi una mano. Lascio la mia mail ivanaolivieri56@gmail.com grazie per quanto vorrete comunicarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *