Vivere All’estero: Polonia in Pensione, Vantaggi e Svantaggi

Se sei un pensionato italiano, la Polonia potrebbe non essere la prima destinazione che ti viene in mente. Ma il paese dell’Europa orientale può essere il luogo ideale per andare a vivere quando sei in pensione. Sebbene sia più conveniente rispetto ad altre nazioni occidentali, offre ancora lo stesso tipo di fascino europeo per gli anziani: città fitte con architettura del Vecchio Mondo (compresi i castelli!), Villaggi tranquilli e idilliaci, trasporti pubblici moderni e servizi, cibo delizioso e ricca cultura. Seduta all’incrocio tra l’Europa occidentale e l’Oriente russo, la Polonia ha una cultura unica per gli avventurosi anziani da godere.

La Polonia è stata a lungo incuneata tra potenti imperi e ha dovuto sforzarsi di preservare la sua vibrante cultura nazionale. Ciò ha dato al perenne sfavorito dell’Europa orientale uno stile di vita aperto e tollerante, soprattutto nelle città. Non importa, da dove vengono, gli espatriati dovrebbero essere sicuri che saranno accolti calorosamente e accettati mentre si sistemano.

Qual’è la moneta polacca?

Sebbene sia uno stato membro dell’UE, la Polonia usa la propria valuta, lo złoty polacco, invece dell’euro. A partire dalla metà dell’anno 2017, lo złoty si scambia attorno ai seguenti valori:

  • $ 0,27 dollari USA
  • € 0,23 Euro
  • $ 0,35 dollari australiani
  • £ 0,21 Sterline inglesi

 

Quanto costa vivere in Polonia?

Per avere un’idea del costo della vita in diverse zone della Polonia, la seguente tabella elenca i prezzi per diversi beni comuni e servizi in euro per Varsavia, la città più grande e più costosa del paese, la città di medie dimensioni e multiculturale di Lublino e la piccola città di Augustow.

PREZZI E COSTO DELLA VITA IN POLONIA ( CITTà) Varsavia Lublin Augustow

  • Affitto (appartamento con una camera da letto nel centro della città) € 527 € 459 € 235
  • Affitto (appartamento con tre camere da letto nel centro città) € 903 € 732 € 586
  • Utilità (per appartamento di 915 m²) € 146. € 145 € 82
  • Prezzo per metro quadrato (appartamento nel centro città) € 229 € 155 € 87
  • Internet € 10 € 10,00 € 11
  • latte € 2.27 € 2,20 € 1.77
  • Pasto per due (ristorante di fascia media) € 23.50 € 23 € 20
  • Gas (un litro) € 4,00. € 4.04 € 4.26
  • Bottiglia di vino (gamma media) € 6,00 € 5,15 € 8.20
  • Macchina (Toyota Corolla) € 17.400. € 17.900 n / A
  • Biglietto di sola andata (trasporto pubblico) € 1,00 € 0,70 € 0,47
  • Un paio di jeans (a medio raggio) € 61 € 60 € 77

Vivere All'estero: Polonia in Pensione, Vantaggi e Svantaggi

Se hai bisogno di trasferire denaro in Polonia o anche a casa, ti consigliamo di essere a conoscenza delle tariffe e dei tassi di cambio applicati dalle diverse istituzioni finanziarie. La maggior parte delle banche e dei servizi di trasferimento addebitano commissioni iniziali basse, ma approfittane utilizzando un tasso di cambio più elevato e sfiorando la differenza.

Per trasferire denaro e avere l’ammontare più grande rimasto quando lo raccogli, prova TransferWise . In questo modo, i tuoi soldi verranno convertiti al tasso di cambio reale , lo stesso che troverai su Google, e ciò dovrebbe consentire di risparmiare di più sui tuoi soldi duramente guadagnati.

Quanto costa comprare una casa in Polonia per rimanerci a vivere?

Mentre è sempre possibile acquistare un piccolo agriturismo economico nel paese, la Polonia è abbastanza economica da poter comprare un appartamento in grandi città come Varsavia o Cracovia. È possibile acquistare appartamenti per € 85.000- € 250.000 ($ 100.000- $ 290.000). Non lo troverai in molte capitali europee, dove la proprietà di proprietà è fuori dalla portata di coloro che non sono ricchi.

Con un tenore di vita così favorevole al budget, puoi vivere a basso costo in Polonia con circa $ 100.000 risparmiati. Se sei in grado di avere un modesto stipendio, puoi permetterti di affittare, o eventualmente acquistare, un elegante appartamento in un bel quartiere in una grande città polacca. Se hai i soldi per andare in pensione comodamente, puoi permetterti una casa considerevole, e possibilmente anche qualche acro di terra, nella campagna polacca, con abbastanza avanzi per escursioni nei laghi Masuri o sulle montagne Tatra.

Quali sono i requisiti per avere la residenza?

La soglia per la residenza legale in Polonia è inferiore a quella degli altri paesi europei. Per diventare un residente legale della Polonia, è necessario contattare il consolato polacco nel proprio paese e richiedere un visto nazionale per soggiorni di lunga durata. Per i cittadini italiani ( quindi cittadino europeo) basta avere la carta di identità, un contratto di affitto ( o di acquisto) di una casa  e la prova che disponi di risorse finanziarie sufficienti per sostenerti (pensione, previdenza sociale, 401 (k) , o immobiliare di investimenti azionari).

Dove è meglio andare a vivere?

Geograficamente, la Polonia è in gran parte una vasta pianura costellata di fattorie, ma ci sono molti posti panoramici attraverso il paese che sarebbe perfetto per stabilirsi.

La regione dei laghi della Masuria, che comprende oltre 2.000 laghi sparsi nel nord-est della Polonia, è una delle destinazioni turistiche più popolari del paese. Un’ampia serie di fiumi e canali collega i laghi, così i navigatori possono spostarsi facilmente da uno all’altro. Se sei un appassionato di sport acquatici, pesca, vela o solo un amante della natura in generale, questa potrebbe essere la regione per te. Potresti usare la vicina città di Olsztyn come base di partenza, che si colloca costantemente nella qualità della vita, l’assistenza sanitaria, l’accessibilità e la sicurezza ed è considerata una delle città più felici del paese.

Se vivere vicino al mare è importante per te, considera la città settentrionale di Danzica, sul Mar Baltico. Come una delle città portuali più attive nel Baltico, Danzica ha avuto a lungo una reputazione per il multiculturalismo e la tolleranza. Si ritiene inoltre che abbia alcune delle architetture più belle del paese. Lì sarai vicino a diverse spiagge di sabbia bianca e potrai trascorrere i fine settimana a vela e a pescare nelle acque incontaminate della baia di Danzica.

Se l’escursionismo, lo sci e le viste rocciose sono più la vostra passione, guardate nella regione montuosa di Tatra, nel paese meridionale, vicino al confine con la Slovacchia. La località turistica di Zakopane, nota per la sua fiorente scena artistica e adorabili chalet in legno, sarebbe il luogo ideale per un pensionato ansioso di percorrere i sentieri o le piste.

Se non puoi scegliere tra le montagne, la costa o le pianure e vuoi un buon mix di qualità diverse, c’è sempre la capitale vivace e la città più grande di Varsavia. La città di due milioni si trova nel cuore del paese, un breve tragitto in treno dalle montagne del sud o del Mar Baltico nel nord. Il centro storico della città è in realtà un patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Se sei diviso tra la città e il paese, Lodz, la terza città più grande del paese, potrebbe anche essere una buona idea per te, dato che la foresta di Lagiewnicki, a nord del centro, è il più grande parco urbano d’Europa.

Mentre Varsavia è un grande centro d’affari con il mercato del lavoro rovente, è anche frenetica e ha le abitazioni più costose del paese. Per un pensionato che vuole un ritmo più lento di vita, ma vuole anche vivere in una città, la seconda città di Cracovia potrebbe essere la soluzione migliore. La vecchia capitale della Polonia era una delle poche città in Europa che non fu per lo più distrutta durante la seconda guerra mondiale. Per questo ha un’architettura storica ben conservata, inclusa una piazza del mercato considerata una delle migliori al mondo, oltre a molte altre attrazioni e musei storici. È una città compatta, percorribile e sicura, e le strette vie medievali della Città Vecchia di Cracovia sono anche piene di bar, ristoranti, gallerie d’arte e negozi.

Che dire delle tasse e dell’assistenza sanitaria?

La Polonia ha un servizio sanitario nazionale che offre assistenza medica gratuita e soggiorni in ospedale a tutti i suoi cittadini. Sono disponibili anche piani assicurativi privati ​​e una percentuale maggiore di cittadini polacchi li ha confrontati con altri paesi europei. Lo usano spesso per integrare il sistema pubblico, che può essere conosciuto per lunghe attese e frustrante burocrazia. Se sei cittadino italiano, puoi usufruire di tutti i servizi gratuitamente, esattamente come un cittadino polacco. 

Se sei migrato da un paese del SEE, o dagli Stati Uniti o dall’Australia, puoi scegliere di unirti al fondo sanitario nazionale, che ti garantisce assistenza di emergenza e maternità, oltre a coprire eventuali condizioni preesistenti.

Anche se tutte le tue entrate provengono dall’estero, dovrai comunque presentare una dichiarazione dei redditi annuale con la Polonia se vivi lì per più di sei mesi all’anno. Quando depositano le tasse, agli espatriati può essere richiesto di compilare ulteriori documenti e di essere soggetti a specifici requisiti di segnalazione. Le normative fiscali variano da paese a paese, quindi consulti un commercialista per consigli su come mantenere la conformità fiscale a casa e nel tuo nuovo paese.

Com’è la vita quotidiana?

La Polonia ha un clima continentale temperato, con inverni freddi e estati calde, soleggiate e piovose. Ciò significa che sebbene sia situato alle porte della Russia, il clima e la vegetazione sono simili a quelli delle nazioni dell’Europa occidentale. Il picco medio a Varsavia è 25 ℃ (77 ℉) durante l’estate e 0 ℃ (32 ℉) durante l’inverno. Le temperature possono rimanere ben al di sotto del punto di congelamento durante l’inverno e le forti tempeste di neve sono comuni.

Per quanto riguarda l’accesso al paese, la Polonia dispone di un solido sistema di trasporto pubblico composto da autobus, tram e filobus, nonché da treni che collegano numerose città. Varsavia ha anche un vasto sistema di metropolitana.

Se stai cercando di immergerti nei costumi locali, dai un’occhiata alla marzanna . Prende il nome dalla dea pagana slava della morte, dell’inverno e della natura, questa tradizione annuale in tutto il paese comporta la costruzione di una grande effige il primo giorno di primavera, dandole fuoco e poi gettandola in un fiume. Questo rituale ha lo scopo di bandire l’inverno e incoraggiare nuove colture a crescere.

Inoltre, chiedi il saggio, se cammini per la città il lunedì dopo Pasqua, indossa un impermeabile. Quel giorno è la celebrazione di Śmigus-dyngus, che è fondamentalmente massiccia, tutta la città, per tutta la giornata, la lotta con l’acqua. È un free-for-all in cui i combattenti usano pistole ad acqua, bottiglie e palloncini d’acqua per immergere chiunque incontri, anche ignari estranei.

I polacchi hanno la reputazione di essere disinvolti, di vivere la vita a un ritmo più lento e di essere fortemente legati alla natura. Il giardinaggio è un passatempo popolare e molte case hanno una “casa del giardino” anche nelle città

La Polonia non è amichevole con l’inglese come alcune nazioni dell’Europa occidentale, quindi sarebbe saggio imparare un po ‘di polacco prima del tuo arrivo. Dopo aver imparato alcune frasi chiave, scoprirai che i polacchi sono generalmente amichevoli e aperti. I polacchi amano mangiare e bere, così cominciando a fare in modo che gli amici si aspettino di essere invitati a una cena e hanno offerto un sacco di pierogi, kielbasa e vodka polacca.

La Polonia è una gemma trascurata in cui è possibile trovare molto di ciò che la gente ama della cultura europea – architettura, bellezza naturale, musei, cibo, bevande e festival – senza lo shock adesivo di una Parigi o di Oslo. Con una varietà di regioni geografiche e città, puoi costruire una pensione adatta alle tue esigenze e ai tuoi sogni.

Intervista a 2 ragazzi che sono andati a vivere in Polonia :

Leggi di paesi dove puoi andare a vivere in pensione o per lavoro

Portogallo

Canarie

Italia del Sud

Croazia

Grecia

Spagna

Albania

Germania 

Russia 

Irlanda 

Slovenia 

Svezia

Svizzera

Romania

Bulgaria

Brasile

Canada

Nuova Zelanda 

Tunisia

Inghilterra

Canarie per lavoro

Thailandia

 

Ragioniere, pubblicista e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *