Futuro Pensioni in Italia: problemi fino al 2036

La spesa delle pensioni in Italia sarà un problema per il Bilancio dello Stato fino al 2036, poi ci sarà un calo.
Lunedì ( forse) si risolverà il problema del rimborso delle pensioni, dovuto al pasticciaccio fatto da un emendamento legato alla riforma pensioni Fornero.
In sostanza ora lo Stato italiano deve sborsare qualcosa come oltre 5 miliardi di euro ai pensionati per mancanza di adeguamento dell’assegno pensionistico all’inflazione. Questo problema ha messo in risalto e riportato alle cronache l’annoso problema delle pensioni nella spesa pubblica.
La spesa per le pensioni in Italia é da sempre un argomento tabù, sia a livello politico, che parlando tra persone.

Futuro delle pensioni INPS in Italia

Tutti vorrebbero avere una pensione decente arrivati ad una certa età, nessun pensionato si sognerebbe di rinunciare a tanti o pochi euro in nome di un’equità sociale ( ma non c’erano i comunisti, in Italia?), ma non si prendono in considerazione problemi reali, quali il fatto che ormai il numero dei pensionati ha superato abbondantemente i lavoratori a tempo indeterminato ed è circa lo stesso numero di tutti i lavoratori italiani ( di cui però molti non lavorano tutto l’anno azi, molti di loro in dei mesi dell’anno prendono anche la disoccupazione), non si prende nemmeno in considerazione che i soldi che si prendono oggi di pensione, non sono quelli versati anni scorsi, ma sono quelli presi dalle trattenute di chi lavora oggi….

Tra tutti questi problemi, arriva la notizia dall’Unione Europea che uno studio sulla Nostra economia e sulle Nostre pensioni fatto a Bruxelles, mette in evidenza come l’Italia é uno dei paesi dell’UE che spende di più per le pensioni, ma che nei prossimi anni ci saranno importanti novità, che però verranno realizzate solo nei prossimi anni.

La spesa delle pensioni in Italia, aumenterà dal 15,7% del PIL del 2013 al 15,8% del 2036 per poi calare, fino ad un 13,8% del PIL nel 2060.

Pensioni in Italia: problemi fino al 2036

[fonte]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *