07 giu 2017

Filled Under:

Trasferirsi a vivere in pensione nelle Azzorre: vantaggi e svantaggi

Le isole Azzorre sono uno delle mète preferite dai pensionati italiani che si trasferiscono a vivere all'estero, cerchiamo di capire insieme quali sono i pro ed i contro di questa scelta di vita e quali sono le motivazioni economiche e personali che spingono anziani italiani a trasferirsi nell'arcipelago di isole portoghesi in pieno Oceano Atlantico.
I pensionati italiani che decidono di chiudere le valigie e trascorrere i propri anni in ritiro in qualche posto del mondo diverso dall'Italia sono in aumento. Una delle destinazioni più ambite dai pensionati italiani per il 'buen retiro' è proprio il Portogallo, per ragioni sopratutto legate agli sgravi fiscali, ma non solo; quindi è normale che uno dei posti di vacanza più ambiti in Portogallo in pieno Oceano Atlantico, , cioè le isole Azzorre, siano anche una delle mète preferite per passare gli ultimi anni della propria vita in tranquillità. Negli ultimi 7 anni quasi 4,5 milioni di italiani hanno scelto di non rimanere in patria per godersi la pensione, ma di espatriare chiudendo i rapporti con il Bel Paese. I figli grandi e indipendenti, un'intera vita da vivere dopo i sacrifici fatti per il lavoro: insomma, la voglia di ritirarsi in un paradiso terrestre è molta. Tra i luoghi migliori per il ritiro dei pensionati italiani ci sono le isole Azzorre.


Le Azzorre, un paradiso incontaminato


Tutti i pensionati italiani che si trasferiscono alle Azzorre sono d'accordo su una cosa: in queste isole la terra è completamente ad uno stato selvaggio, quasi per nulla contaminata dall'opera dell'uomo.
Le Azzorre sono isole che si trovano al centro dell'Oceano Atlantico all'altezza del Portogallo meridionale: esse, infatti, battono bandiera portoghese. A parte l'isola principale di Sao Miguel, dove si trovano i principali centri della vita delle Azzorre come l'ospedale o l'università, altre isole sono quasi disabitate, anche per via del brullo territorio vulcanico di cui sono composte le Azzorre.
Nella capitale, Ponta Delgada, ci sono anche ambasciate e consolati dei principali paesi mondiali.

Qualità e costo della vita alle Azzorre: perché tutti vogliono trasferirsi lì?

Il costo della vita per i pensionati italiani che si trasferiscono alle Azzorre è decisamente molto più basso che in Italia: una famiglia media vive tranquillamente con 500 euro. Le tasse sono basse, soprattutto per i primi 10 anni dopo il trasferimento: esiste, infatti, una tassazione agevolata. Si paga un 16% fisso sul proprio reddito, più un 3,5% in base alle entrate più o meno cospicue, a patto che la professione che si ricopre sia in uno di questi settori:
  • settore edilizio (ingegneria o architettura);
  • settore artistico e scolastico (artista, cantante, ballerino, insegnante);
  • settore sanitario (medici ed infermieri);
  • settore economico (investitori, manager aziendali, amministratori).
Gli affitti alle Azzorre sono molto bassi: si può ottenere l'affitto di una casa grande con 350 o 400 euro: i costi dipendono dalle zone e dalla grandezza delle abitazioni, ma generalmente non superano queste cifre.
Un altro vantaggio che fa scendere il costo della vita ma ne aumenta la qualità è il clima. Le Azzorre hanno un clima molto temperato, che non scende mai sotto i 10 gradi. Durante tutto l'arco dell'anno non è necessario accendere il riscaldamento, tanto che le case ne sono prive: le più moderne hanno una stufa a pellet per deumidificare l'aria nei giorni più freddi, ma certamente non si sa cosa sia la neve e non esistono gli inverni ghiacciati che in Italia mettono a dura prova quasi tutte le regioni negli ultimi anni.
Trasferirsi a vivere in pensione nelle Azzorre: vantaggi e svantaggi


Ottenere la cittadinanza nelle Azzorre è possibile?

Se si è pensionati e ci si vuole trasferire all'estero per sempre, è probabile che si voglia richiedere la cittadinanza nel nuovo paese di residenza. Come fare per richiedere la cittadinanza nelle Azzorre? I cittadini europei sono facilitati rispetto agli altri, perché se si vogliono fermare alle Azzorre per un periodo più lungo di 3 mesi essi devono richiedere un semplice documento. Si tratte del Certifigado de Registo presso il municipio della città dove si intende vivere. Per richiederlo bisogna avere questi due documenti:
  • passaporto o carta d'identità in corso di validità;
  • certificazione di lavoro (cioè una carta che attesti che si ha un contratto di lavoro firmato o che i è un lavoratore free lance).
Il Certifigado de Registo somiglia al nostro permesso di soggiorno. Al primo rilascio vale un anno, e può essere rinnovato non più di due volte consecutive. Ogni rinnovo permette di prolungare la scadenza per altri due anni, per un totale di cinque anni di vita di questo permesso. Allo scadere dei cinque anni esso si può trasformare in un permesso di residenza permanente.

L'industria non esiste: viaggio nell'economia di sussistenza delle Azorre

Le Azzorre sono un luogo ideale per chi vuole vivere immerso nella natura senza l'apporto delle industrie. Le aziende di produzione, infatti, sono pressoché sconosciute nell'arcipelago portoghese, che ha ancora un'economia legata alla sussistenza isolana. L'attività più diffusa è la pesca: qui il pesce costa molto meno che in Italia ed è il piatto principale dell'alimentazione isolana. Anche la carne è molto presente. L'agricoltura un tempo non era così sviluppata per via del suolo di origine vulcanica, ma nell'ultimo periodo sono state fatte notevoli migliorie per garantire alle isole Azorre una corretta produzione di frutta e verdura. 
Tutti gli altri beni sono importati, e possono occorrere anche dei tempi molto lunghi per ottenere qualcosa di particolare che magari si è acquistato su internet o in shop online di altri paesi europei. I costi di spedizione, dunque, sono parecchio alti.

Quali sono i pro e i contro di vivere alle Azzorre da pensionati

I pensionati italiani che si vogliono trasferire all'estero, in particolare alle Azzorre, vogliono dunque sapere quali sono i pro e i contro di vivere in queste isole.
I vantaggi delle Azzorre sono sicuramente:
  • il basso costo della vita;
  • la natura incontaminata;
  • il pochissimo afflusso turistico;
  • la mancanza di criminalità e di terrorismo;
  • la bassa densità di popolazione;
  • il clima mite;
  • la facilità di ottenere la cittadinanza.
Tra gli svantaggi, invece, troviamo:
  • l'umidità; 
  • i lunghi tempi d'attesa per le merci d'importazione;
  • la lontananza.
Trasferirsi a vivere alle Isole Canarie Perchè i pensionati vanno in Spagna Pensionati in Sud Italia
Andare a vivere in Grecia Pensionati in Tunisia Trasferirsi a vivere in Romania
Pensionati che vivono in Svizzera Andare a vivere in Canada
vivere in Thailandia Trasferirsi in Brasile
Andare a vivere in Albania pensionati italiani in Bulgaria

0 commenti:

Posta un commento

Commenti Offensivi, Spam o Link verso altri siti non verranno pubblicati.