DATI Pensioni e pensionati 2016

Pensionati sempre più ricchi, giovani sempre più poveri, ecco gli incredibili dati sulle pensioni che arrivano dal Censis, dati che fanno sicuramente riflettere e che ci permettono di capire perché l’INPS ha così difficoltà a trovare altri soldi per poter dare anche a chi gli spetterebbero, come le persone over 55 che non hanno più un lavoro: il numero dei pensionati é aumentato a dismisura in questi ultimi anni, ma non è cresciuta la popolazione e tanto meno è cresciuto il numero di lavoratori che versano i contributi, contributi che poi vanno a pagare le pensioni di oggi, qui la politica non c’entra niente, sono solo scarni dati, é realtà, è matematica, che la politica non sta riuscendo a gestire nel migliore dei modi possibili.

Con il rapporto Censis “il buon valore della longevità” viene capovolta una delle situazioni economiche maggiormente consolidate in Italia: Infatti dal rapporto emerge che i consumi delle coppie con un capofamiglia anziano (con oltre 65 anni di età) sono superiori rispetto alle coppie che presentano come capofamiglia un giovane (ossia con età compresa tra 18 e 34 anni di età).

Stesso discorso per i nuclei monofamiliari dove gli anziani soli hanno incrementato la spesa del 4,7 per cento in termini reali mentre i giovani hanno visto un crollo verticale della spesa per consumi (-12,4 per cento).

dati Pensioni e pensionati 2016
Novità esodati Pensione di inabilità
Novità opzione donna Prestito pensionistico un’ipotesi?
Come ottenere il cumulo contributivo della Pensione Reddito minimo in Puglia
Migliori posti dove vivere dopo la pensione Lavori per pensionati: il tartufaio

Dati pensioni in Italia 2015 – 2016 :

In base ai dati Censis per il 18 % dei gli anziani la spesa pubblica è aumentata mentre è rimasta stabile per il 60 % del campione rappresentativo.
Tuttavia tali problemi non hanno minato la fiducia nel futuro: infatti il 9 % pensa che le prospettive di reddito miglioreranno mentre l’80 % ritiene che le stesse rimarranno stabili.
Di questi 1,1 milioni in futuro compreranno elettrodomestici in futuro, 670 mila provvederanno all’acquisto di pc, smartphone e altri prodotti tecnologici, 320 mila di mobili per la casa e ben 530 mila procederanno all’acquisto di un immobile.

Sistema Unico Identità Digitale SPID

In base al rapporto gli anziani in Italia sono attualmente 13,2 milioni e nei prossimi 15 anni se ne aggiungeranno altri 3 milioni.
In base al rapporto Censis gli stessi utilizzano per lo più soldi in contanti: infatti circa il 54 per cento di questo utilizzano soldi in contanti mentre la media della popolazione che utilizza contanti è “appena” il 51 %.
Negli ultimi venti anni i pensionati hanno conosciuto un vero e proprio boom della ricchezza, tenuto conto che l’incremento di valore è stato di circa il 118 %, ossia tre volte quello fatto registrare dal patrimonio medio delle famiglie italiane ( dato che va raffrontato con quello dei giovani che hanno avuto un crollo del potere d’acquisto di circa il 26 per cento).

1 commento

  1. Caro Tito Boeri innanzi tutto ti chiedo alcune cose:
    1) assistenza- previdenza, separare le due spese attribuendo l'assistenza alla fiscalità generale e restituire all'inps quanto in passato ha speso in assistenza;
    2) Restituire all'INPS i soldi che ha speso e che spende per coprire il buco INPDAP
    3) restituire all'INPS gli sconti presenti e futuri del Job act (assunzioni con decontribuzione per tre anni).
    Dopo queste operazioni mi va bene ridurre le pensioni eccessive, io vivo con coniuge a carico con 1200 euro netti quindi penso che 2500 o 3000 euro netti siano più che sufficienti ma il cambio del calcolo tra retributivo e contributivo NON DEVE MAI ESSERE ESTESO ALLE PENSIONI SOTTO QUEL LIVELLO, anzi io ritengo che se applicati i primi tre punti forse i problemi dell'INPS sarebbero risolti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *