Pensione di inabilità 2016: come ottenerla

Come ricevere la pensione di inabilità: è una pensione riconosciuta a favore dei lavoratori per i quali viene verificata l’assoluta e permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività in ambito lavorativo.
La prestazione economica viene erogata su istanza della parte, e viene riconosciuta ai soggetti che non sono in grado di deambulare senza l’ausilio di un soggetto che fornisce assistenza in maniera continuativa e permanente (in sostanza il soggetto non è in grado di compiere gli atti quotidiani inerenti la vita normale).
L’assegno per pensione di inabilità, può essere richiesto da lavoratori dipendenti, lavoratori autonomi (artigiani, coloni, mezzadri, coltivatori diretti, ecc.) e iscritti ai fondi pensioni sostitutivi ed integrativi della gestione A.G.O.

In ogni caso l’assegno per assistenza personale e continuativa non è comunque reversibile ai superstiti, è concesso in misura ridotta a chi fruisce già di una analoga prestazione da altre forme di previdenza obbligatoria o di assistenza sociale, non è compatibile con l’assegno mensile dovuto dall’Inail per assistenza personale continuativa.

Pensione di inabilità 2016: come ottenerla
Prestito pensionistico Dove vivere dopo la Pensione
Calcolo aumento Pensione 2016 Vivere in Pensione in Portogallo


Come ottenere la pensione di inabilità nel 2016:

I soggetti che possono presentare la domanda, per poter vedersi riconosciuta l’istanza, devono comunque essere in possesso dei seguenti requisiti:

  1. Impossibilità assoluta e permanente di svolgere una attività lavorativa in conseguenza di un difetto fisico o mentale; 
  2. Versamento di almeno 260 contributi settimanali, corrispondenti a cinque anni di versamenti contributivi, di cui 156 nel quinquennio precedente la data di presentazione dell’istanza. 

La domanda per la pensione di inabilità può essere presentata solo in modalità telematica e può essere inviata direttamente dall’interessato via web (avvalendosi dei servizi presenti sul sito Inps) o via telefono (contattando il call center dell’Inps).
E’ inoltre possibile inviare l’istanza attraverso patronati e tutti gli intermediari dell’istituto.
L’importo dell’assegno per assistenza personale e continuativa è determinato con un sistema di calcolo:

  1. Metodo misto (qualora una quota del calcolo sia effettuata con il sistema retributivo ed una quota con il sistema contributivo); 
  2. Solo con il metodo contributivo, qualora il lavoratore abbia iniziato l’attività lavorativa dopo il 31.12.1995.

Calcolo Pensione anticipata 63 anni INPS a rischio fallimento?
Pensioni Novità 2016 La Riforma Pensioni nel 2018?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *