Pensioni Novità Giugno 2017 pensione anticipata, riforma pensioni

Novità pensioni di Giugno, la riforma pensioni e la pensione anticipata non sono la priorità per i parlamentari italiani, che ora sono concentrati sulla legge elettorale ed imminenti elezioni.
Questo bisogna dirlo senza troppi giri di parole: i pensionati italiani e i lavoratori che stanno per arrivare all’età pensionabile, non sono tra i primi pensieri nè del Governo, nè delle opposizioni.
In questi giorni infatti si parla di tutt’altro, come della nuova legge elettorale ( ma non ne avevano fatta una 4 anni fa’?) , si parla di temi come i casi giudiziari legati alla politica, la mondezza che c’è a Roma, ma i politici non parlano MAI di temi economici come il problema dei disoccupati e quello dell’età pensionabile troppo avanzata ed assolutamente da riformare, su questi sono bravissimi a glissare.

Novità Pensioni ultimissime notizie:

Tutto si può recriminare al Governo Renzi meno che l’attenzione non era sempre , costantemente, veicolata verso il futuro dei lavoratori e dei pensionati.
Ci sono state decine di proposte e di veri disegni di legge per fare una seria riforma delle pensioni, poi derubricata a qualche novità ( come potete leggere qui di seguito), ma per i tre anni di Governo, Renzi e i suoi collaboratori non hanno fatto altro che parlare e legiferare sulle pensioni, cercando di ‘raddrizzare’ o ‘umanizzare’ la riforma Fornero, che ha spostato l’età pensionabile ormai ad un tempo troppo, troppo lungo umanamente.
Una persona non può andare in pensione a 67 anni, oppure a 70 come accadrà tra qualche anno ( visto che l’età pensionabile aumenterà con l’aumento della vita media)  non è giusto. A 70 anni – se uno ci arriva – sei un vecchio e allora che te ne fai di 40 anni di contributi versati? Non hai nemmeno la forza nè la voglia di spendere quei soldi.
A 70 anni suonati, una persona vuol vivere tranquilla, fare la spesa, fare la sua passeggiata, avere i suoi affetti vicino, non cerca chissà cosa.

Mentre ancora si parla di una riforma pensioni che si poteva fare e non si é fatta se non  in una parte piccolissima ( l’annuncio di un part-time in flessibilità superati i 63 anni, un’opportunità che sarà riservata solo ad una manciata di lavoratori), arrivano notizie dall’INPS, con una busta arancione per tutti i lavoratori in cui c’è il conteggio dell’età pensionabile,  che spiega come andare in pensione anticipatamente e che parla di un’ulteriore aumento dell’età pensionabile in alcuni casi, un aumento indispensabile per non far crollare tutto il sistema pensionistico.

Dopo questo capitolo, le ultime notizie sulle pensioni, disoccupazioni, reddito minimo garantito, riforma pensioni e tutto quello che riguarda la previdenza e assistenza sociale, le troverete in fondo alla pagina, aggiornate ogni volta che ci sarà una novità importante.

Ultime notizie pensioni 2017:

  • A RISCHIO APE SOCIAL: secondo alcune indiscrezioni, dato che l’Unione Europea ha scritto una lettera all’Italia in cui si dice che sistava ‘sforando’ di 0,2% rispetto alle spese previste, può darsi che l’inizio dell’Ape Social che comporta una spesa di 400 milioni l’anno invece del 2017 sia il 2018.
  • Non si sa se il Governo Gentiloni durerà fino alle previste elezioni politiche del 2018, ma quello che sembra è che manterrà gli impegni del Governo Renzi, dall’anticipo pensionistico, alla SIA 2017 ( la social card) allargata a tutta la popolazione che ne ha diritto
  • In particolare, il mese di Gennaio 2017 inizia con il pagamento delle pensioni in ritardo.. Proprio così, il 2017 inizia sotto un brutto auspicio, i pensionati per una serie di coincidenze non prenderanno la pensione il 1° del mese ma il 4 o addirittura il 5 del mese. 
  • Opzione donna ed esodati sembrano invece sistemati, almeno per questo 2017, con una proroga per opzione donna e una settima salvaguardia per gli esodati.

Insomma un brutto risveglio per chi in pensione deve ancora andare; dalle promesse fatte a destra e a manca dei vari politici che davano per certo una possibilità di andare in pensione qualche anno prima, ad un aumento dell’età pensionistica , sembra l’ennesima presa in giro per i poveri lavoratori che si trovano ancora una volta a non potersi fermare e continuare, continuare a lavorare addirittura fino a 70 anni ( in certi casi che vedremo).

Pensioni Novità Giugno 2017 pensione anticipata, riforma pensioni

Dove Andare a Vivere DOPO la Pensione Pensioni all’Estero
Dove Vivere Dopo la Pensione, Tunisia Esodati

Cosa Non Sai sulle Pensioni

Novità Pensioni 2017: aumento dell’età pensionabile:

  1. Pensione di vecchiaia: si andrà in pensione a 66 e 7 mesi, dal 2016 per chi ha raggiunto – e superato – almeno i 20 anni di contributi versati , nonchè iscritti all’Ago (cioé l’Assicurazione generale obbligatoria) che è rivolta ai dipendenti, o comunque ad altre forme assicurative relative a questa nonché a quelli della Gestione Separata INPS. Le lavoratrici donne invece: 
  • 65 anni e 7 mesi, ( per il 2016 ed il 2017)  per le lavoratrici donna iscritte all’Ago o similari, mentre dovranno andare in pensione a 66 anni e 7 mesinel 2018.
  • 66 anni e 7 mesi per le dipendenti pubbliche ( visto che già sono state parificate).
  • 66 anni ed 1 mese per le lavoratrici autonome nel 2016 – 2017, che poi passerà a 66 anni e 7 mesi nel 2018.
   2.  Requisito minimo contributivo
  1. Per gli uomini sarà di 42 anni e 10 mesi.
  2. Per le donne di 41 anni e 10 mesi.

Ultimissime pensioni 2017: 

  • Cosa ci aspetta per il 2017? In realtà potrebbe essere proprio il 2017 l’anno di svolta per le pensioni in Italia.
  • Pensione anticipata con part time:  è confermata la possibilità di fare part time negli ultimi anni che precedono la pensione, bisogna avere 66 anni e 7 mesi di età, almeno 20 anni di contributi versati al 31 dicembre 2018.
  • L’economia sembra stia pian piano ripartendo, sicuramente non avrà una crescita al di sopra del 5% nei prossimi 20 anni, a meno che di ‘miracoli economici’ a cui nessuno crede, ma certo le cose si stanno muovendo ( non certo alla velocità a cui ci dicono tanti esponenti di Governo, per Loro Noi cittadini abbiamo tutti una Ferrari nascosta nel garage, piangiamo miseria ma non paghiamo le tasse, é così che ci vedono e lo hanno anche detto recentemente). 
  • Polemiche a parte, un ricambio generazionale, più volte prospettato da politici di centro, di sinistra , di destra, nonché da tanti esperti di lavoro e macroeconomia,  sarebbe più che auspicabile, e potrebbe essere da questo assunto che anche l’Unione Europea potrebbe vedere di buon’occhio un rimaneggiamento della legge Fornero sul lavoro, che ingloba anche i pensionati. Certo: il tutto andrebbe fatto con i soldi che abbiamo già a disposizione, in questo la UE ( con delle raccomandazioni più o meno ufficiali fatti da Draghi e la BCE) é stata cristallina: la legge Fornero sul lavoro non si tocca non tanto come ‘legge’, ma come ‘conti’ che quella legge fa tornare.
  • Sta ai vari ragionieri trovare i soldi per una riforma pensioni anche parziale, ma che riesca a dare una bella ‘sfoltita’ ai posti di lavoro, cioé mandare in pensione gli anziani over 60 e far posto ai giovani di 20 anni, cosa che si è sempre fatta, ma cosa che oggi sembra quasi impossibile da fare.

Età pensionabile a 75 anni la soluzione le pensioni integrative:

  • A fine 2015 c’è la trista notizia che tra qualche anno si andrà in pensione a 75 anni anni compiuti. E’ una soluzione proponibile? Se é vero che le pensioni integrative dovrebbero avercele ormai tutti è anche inaccettabile che per prenderle tra qualche anno si debba arrivare ad aver compiuto settantacinque anni di età. Ormai siamo arrivati a cose incredibili, in nessuna società della storia gli uomini hanno lavorato oltre i 70 anni, nemmeno gli schiavi, erano infatti lasciati liberi o comunque dopo una certa età non lavoravano più.
Calcolo aumento pensione 2017

Pensioni novità 2017 Opzione Donna approvata

  • E’ stato approvata anche per il 2016 la possibilità per le lavoratrici donne impiegate che hanno compiuto i 57 anni e 3 mesi o i 58 anni e 3 mesi ( per le autonome), di andare in pensione anticipatamente.

No Tax area per pensionati:

  • Dal 1° gennaio 2016 i pensionati che avranno un reddito inferiore agli 8000 euro all’anno non dovranno pagare le tasse, questa particolare fascia di pensionati vengono definiti no tax area.

I pensionati non dovranno restituire i soldi erogati per sbaglio:

  • Alcuni pensionati hanno ricevuto per sbaglio lo 0,1% e avrebbero dovuto restituirlo con delle decurtazioni delle pensioni; questo non avverrà, al contrario di quanto si pensava in un primo momento.

Conferma della settima salvaguardia.

  • Con la conferma della settima salvaguardia, si avrà la possibilità di far accedere alla pensione 23600 lavoratori.

Avvio sperimentazione part time 63 anni

  • Per i lavoratori dipendenti che avranno superato i 63 anni, dal 1° gennaio 2016 parte la sperimentazione del part-time, come é specificato al link, cioé si potrà lavorare meno ore o meno giorni, prendendo meno stipendio ma ricevendo gli stessi contributi.

Stop alla penalizzazione dell’importo della pensione per chi é andato in pensione negli anni 2012, 2013, 2014

  • I lavoratori che erano andati in pensione in questi anni, subivano una piccola penalizzazione della pensione, dal 2016 questo non accadrà più.

Prolungamento Dis Coll per tutto il 2016:

  • Si tratta di un ulteriore sussidio per disoccupati che hanno finito il periodo Naspi e che era in fase sperimentale fino a fine 2015, si prolungherà fino a fine 2016, una buona notizia per tante persone che hanno perso il  lavoro e trovano enorme difficoltà a rientrare in un mondo del lavoro sempre più competitivo e ristretto.

Reddito Minimo Garantito INPS 2017, novità 2017 chi ne ha diritto:

  • Il Ministro Poletti, ha detto ieri che ci sarà un reddito minimo garantito per le persone più povere con a carico un minore, forse una delle migliori cose fatte dal Governo Renzi per i poveri.
  • Il reddito minimo garantito sarà di 320 euro al mese per una persona con minore, più eventuali altri soldi per chi abbia più figli.
  • Ci sarebbero già pronti 600 milioni di euro dall’INPS per poter sopperire a questa nuova spesa dell’ente previdenziale.
  • Chi ha diritto ai 320 euro al mese del reddito minimo garantito? Coloro che hanno un modello ISEE più basso, che dimostrino di non avere altre tipi di entrata. All’inizio sarà dato alle persone con reddito zero, poi a coloro che hanno un reddito molto basso, finchè le risorse lo permetteranno.
  • Finalmente anche a livelli ufficiali, sembra che il Governo italiano abbia capito che bisogna intervenire con le famiglie più bisognose.

Novità Riforma Pensioni 2016 – 2017:

  • Parte il 24 Maggio con un incontro Governo-Sindacati quella che sarà una lunga maratona sulla riforma pensioni, che si dovrebbe concludere per la legge di stabilità 2017.
  • Con la legge di stabilità 2017, dovrebbero arrivare alcune importanti novità per chi vuole andare in pensione anticipata, per quello che si è potuto capire finora è che il Governo non ha grandi spazi di per poter cambiare chissà cosa. Dovrà ritoccare le pensioni sfruttando i soldi che ha, nonostante i 32 miliardi che l’Unione Europea ha ‘abbonato’ al Nostro paese in fase di bilancio, cioè l’Italia potrà spendere ulteriori 32 miliardi rispetto a quello convenuto solo l’anno precedente, soldi che andranno tutti per i debiti che nel frattempo sono aumentati.

Pensioni novità Legge Stabilità 2017

Le ultime notizie in ambito INPS è che si stanno delineando per la Legge di Stabilità 2017 alcune importanti novità sulle pensioni, come l’estensione della quattordicesima mensilità, la possibilità di ricongiunzione gratuita dei contributi versati e della ventilata possibilità di inserire tra i contributi quelli versati per l’Università.

Novità pensioni

Settembre è il mese decisivo per decidere sulle riforme pensioni che ci saranno insieme alla legge di Stabilità 2017.
Firmato l’accordo Governo Sindacati sulle pensioni: il 29 settembre 2016 finalmente una decisiva svolta nelle novità sulle pensioni: il Governo ha firmato un accordo insieme ai sindacati nel quale si è impegnato a spendere 6 miliardi di euro in 3 anni, per riuscire a realizzare i progetti di:

  1. APE la pensione anticipata con prestito
  2. APE Social pensione anticipata senza penalità,  
  3. RITA rendita integrativa per la pensione anticipata
  4. oltre all’aumento delle pensioni minime tramite ( si pensa) un aumento della 14a e un allargamento della 14a a chi ha una pensione sotto i 1000 euro al mese, oltre che le altre proposte di cui abbiamo parlato in questo post e negli articoli di approfondimento che potete trovare ai rispettivi link.

Il Governo Renzi ha a disposizione 2 miliardi di euro per poter soddisfare impegni come quello di aumentare le pensioni minime, attraverso l’aumento del numero di quattordicesima mensilità della pensione, oppure tramite un aumento di 80 euro, lo sblocco dei salari del pubblico impiego, fare l’8a salvaguardia lavoratori esodati che sistemerà per sempre questo increscioso episodio della Repubblica italiana che vide 200 mila lavoratori abbandonati e completamente dimenticati dallo Stato italiano quando varò la cosiddetta Legge Fornero.
Il problema è che nel frattempo c’è stato un Terremoto in Centro Italia con 2.600 sfollati e milioni di euro di danni, l’economia non cresce e le risorse per fare qualsiasi tipo di intervento sul welfare sono sempre più ridotte all’osso.

20 commenti

    1. 70? Seeeeee beato te.

      L'altro ieri Boeri il presidente dell'INPS ha detto che si andrà in pensione a 75 anni.

      A 75 anni amico, te sona?

  1. Avevo letto che c'era una proposta per i cosiddetti "Lavoratori precoci" del tipo con 41 anni e senza penale proprio per facilitare il cambio generazionale. Ho iniziato a lavorare come operaio che avevo 17 anni e per fortuna ho tutti i versamenti, sono un fortunato per certi versi ma… mi vedo allontanare il traguardo ogni giorno.

    1. Sì, mi sembra una proposta fatta alcuni giorni fa, ma sicuramente non è passata, anche se si sono dati appuntamento per l'inizio del 2016, legga qua;: http://pensioni.economia-italia.com/2015/05/ultime-novita-pensioni-2015-rimborsi-riforma-lavoratori-precoci-quota-100.html
      La dura realtà é che non hanno soldi, ma chi ha superato i 50 e non ha più un lavoro è davvero messo male, noi consigliamo di trovarsi un lavoretto per tirare avanti fino all'età della pensione, presto scriveremo molte guide su come trovarsi un lavoro oltre i 50 anni, anche se part time

    2. a 59 anni licenziato è ancora più difficile, lavoretti? tipo? per quello che ho fatto per decenni (ho 40anni di contributi) purtroppo non posso propormi a nessun tipo di lavoro anche perchè qui al sud stiamo messi malissimo

    1. RENZI e COSCA non hanno la minima intenzione di aumentare LE PENSIONI MINIME O COMUNQUE AL DI SOTTO DI 1000 EURO . La CASTA DEI POLITICI , FETENTI E CIALTRONI , si svincola con due parole dal tema – PENSIONI DA FAME – ; " NON ABBIAMO LE COPERTURE FINANZIARIE , NON ABBIAMO LE RISORSE ".e via discorrendo con menzogne allo stato puro , con ipocrisie sempre piu sfacciate . Balle , sono tutte frottole , chiacchere da cialtroni arroganti , della peggior politica sociale mai perpetrata ai danni dei poveri PENSIONATI , CITTADINI AI QUALI OGNI GIORNO LA MALAPOLITICA RENZIANA calpesta diritti e dignità. I PENSIONATI CHE IL GOVERNO RENZI continua ad affamare , ad ignorare , e che continuano a contribuire al mantenimento e alle pensioni dei NOSTRI POLITICI sulle loro belle poltrone romane sono vittime del "terrorismo sociale" di RENZI E CLAN, ma anche di tutti i politici che non combattono questa battaglia delle PENSIONI DA FAME PER AIUTARE I PENSIONATI – SOGGETTI FRAGILI , ANZIANI , DEBOLI RAPPRESENTANTI DELLA COMUNITA, QUINDI PRIMI AD ESSERE AIUTATI E NON DIMENTICATI o intortati con le solite frottole ..come fanno questi indegni rappresentanti dei cittadini e delle loro istanze . Via tutti questi ihfami mantenuti , traditori del mandato a cui hanno anche giurato ! CALCI IN CU.. SCHIAFFONI AI POLITICI CHE NON SI IMPEGNANO PER I PIU DEBOLI, VIA , A CASA e senza PENSIONE O VITALIZIO , AL MAX DIAMOGLI…UNA PENSIONE MINIMA !!! forse diverranno più empatici , più sensibili anche ai morsi della fame .

  2. solo la ri volu zi one ci può salvare da questo governo dittatore…..se i giovani non si muovono facciamolo noi cari ragazzi degli anni 70

  3. Bravo "anonimo" sono d'accordo con te!Sti peracottari del governo la dovrebbero conoscere e viverla, almeno per un po di tempo, la vita che fanno vivere agli altri,anche se penso che riprendendo il ritmo della loro farebbero comunque le stesse carognate.

  4. DOBBIAMO ANDARE A PRENDERLI A MAZZATE E CALCI IN CULO .. JE FAMO GIRA' TUTTA ROMA A CALCI NER CULO A STI INFAMI RENZIANI VOLTAGABBANE TRADITORI DEI CITTADINI E DELLA RES-PUBLICA. OCCUPIAMO ROMA , BLOCCHIAMOLI IN PARLAMENTO , SCIOPERO GENERALE AD OLTRANZA, NON PAGATE NESSUNA TASSA, NON VOTATELI PIU , FINO A CHE DICHIARINO — UN AUMENTO A TUTTE LE PENSIONI DA FAME –E CONTEMPORANEAMENTE –ABBASSINO LE LORO DI PENSIONI E ABOLISCANO TUTTI I VITALIZI –, 'STI CANI CHE MANTENIAMO ! SCHIAFFONI APPENA NE VEDI UNO CHE GIRA PE' ROMA, -tanto TENZI nun ce teme ,non ha paura de NOANTRI PENSIONATI, ANZIANI, MALATI, DISABILI – MA SOLO SE RENZIANO – DATO CHE RENZI E' IL PREVARICATORE SOCIALE , CHE AGISCE CON LA FORZA CHE IL POTERE — che NON HA RICEVUTO DA NOI, DAL POPOLO SOVRANO – MA DA ALTRI FETENTI MANTENUTI E BEN PAGATI !!!! CE SEMO ROTTI ER CA….

    1. Tutti uguali, si spacciano per essere di destra, sinistra o di centro ma in verità sono filo industriali che vogliono fare finanza e non più impresa, rende di più.
      Non è più un ideologia politica.

  5. Ho 60 anni a novembre di quest'anno , 36 anni di servizio , mi hanno licenziato in tronco x aver pubblicato su un social x errore un documento visibile a tutti e ora mi ritrovo , nell'impossibilità totale , di sopravvivere . Con l'affitto da pagare , con una figlia condivisa si fa x dire in dove devo dare 250 di alimenti . Ditemi voi come potrò fare x campare e ritrovare un lavoro x arrivare alla pensione . Mi hanno ammazzato peggio del peggiore assassino con 100 morti sulle spalle . Se impugni il tutto ti ci vuole un legale , e se tutto ti va bene ( l'azienda come la mia è un colosso che incassa milioni di euro in contanti , azienda che non conosce crisi , che gode di un assoluto Monopoli con un po di fantasia ci arrivate a capire di chi si tratta ) anche se dovesse perdere , ti porta fino alla cassazione e ti ammazzera x sfinimento siamo solo carne da macello. Costringono le persone a fare i miserabili e portarti alla disperazione a non poter guardare più i propri figli negli occhi dalla vergogna . Quale danno materiale ho fatto alla mia azienda x farmi questo ? E io invece quale danno subiro' per il resto della mia lurida vita . Non ci riuscirò perché ti mettano i peggiori muri di gomma , ma se avrò la forza cercherò di arrivare anche al papà Framcesco , la pensione ma quale riforma , come mai non guardano mai le pensioni che superano i 4000 euro netti al mese , come mai non toccano i vitalizi come mai abbiamo i senatori a vita , come mai abbiamo le Regioni autonome e noi infami e ignoranti seguitiamo a farci massacrare noi e le generazioni future x salvaguardare i diritti a chi di diritti ne ha pure troppi . Qualsiasi riforma farà i danni della precedente è così e la colpa è' la nostra , sono anni che veniamo addirittura governati da gente che nessuno a votato , e che nessuno a nominato , nessuno è mai sceso in piazza anche solo x dire la propria ci hanno isolato e narcotizzati tutti . Fino a quando non tocca di persona a uno di noi non lo capiamo e quando uno ci entra dentro è morto socialmente . LE PENSIONI CHI LE PAGHERÀ SE PIÙ NESSUNO LAVORA XCHE NON C'È PIÙ PROFITTO NEL LAVORO , HO I PROFITTI DEVONO STARE SOLO DA CHI HA GIÀ TANTO .

  6. Sarebbe ora di piangersi sopra.
    Basta non pagare piu le tasse ma tutti, e vedette che il governo crolla.
    Ci toglieranno la macchina la casa equitalia si divertira, questo sara il pensiero di tutti.
    Ma quanto pensate di durare ancora questi beni li perdiamo lo stesso.
    Oppure che tutti a gran voce chiedano le nuove elezioni con dei paletti ben precisi.
    Quello che prometti per avere il mio voto devi darmi, altrimenti fuori e firmi prima le dimissioni.
    Chi viene eletto su una coalizione se lascia va fuori, anche qui le dimissioni firmate prima.
    Stipendi dimezzati e niente scorta, che se la paghino loro.
    E la cosa piu importante non devono avere altri incarichi.
    Chi di noi puo fare 2 lavori bene da 8 ore?
    Ecco neanche loro possono fare quello che umanamente non si puo fare

  7. APPENDIAMOLI tutti questi politici mafiosi romani. APPENDIAMOLI PRIMA CHE VADANO IN PENSIONE , una bella pensione , da noi pagata, che poi diventa VITALIZIO PER I FIGLI, LE MIGNOTTE che poi cresceranno e faranno pilitica , e, NOI STRONZI CON 600 EURI DE PENSIONE DOVREMO MANTENERLI , SEMPRE, DA QUANDO ESISTE ROMA CAPUT MAFIAE….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *